Primo pianoRoyal Life

L’incoronazione di re Carlo potrebbe essere non valida… a causa di Camilla

L'opinione dell'esperto che parla di una possibile crisi costituzionale per un fatto noto

La cerimonia di incoronazione di re Carlo potrebbe essere una delle poche note gioiose nel 2023 della Famiglia Reale inglese. Il nuovo anno, infatti, doveva essere inaugurato da una nuova luce di speranza dopo la morte della regina Elisabetta. Ma sulla corona inglese incombe ancora la minaccia che Harry e Meghan rappresentano sempre più spesso.

Secondo l’opinione di un esperto, anche la tanto attesa cerimonia di incoronazione di Carlo III potrebbe avere un gusto più amaro del previsto. Come riporta il Mirror, infatti, la sua incoronazione ufficiale potrebbe essere invalidata a causa della sua relazione con Camilla Parker-Bowles, oggi conosciuta con il titolo di regina consorte.

Incoronazione di Carlo
Ansa

Nonostante la maggior parte degli inglesi abbia oramai accettato il secondo matrimonio del Sovrano, per molti la separazione dalla principessa Diana nel 1992 è ancora una ferita viva. Al di là dei sentimentalismi, però, il divorzio tra l’allora principe Carlo e Lady D. ha scatenato una serie di rivelazioni che potrebbero mettere in discussione la legittimità di Carlo al trono. Tra queste c’è quella secondo cui Carlo e Camilla avevano ripreso la relazione già anni prima della separazione, ovvero nel 1986. Una biografia approvata dallo stesso Re in passato ha confermato che la coppia ha iniziato a frequentarsi mentre era ancora in essere il matrimonio reale. Non per ultimo, in una nota intervista andata in onda nel 1994, l’allora principe di Galles ha ammesso di essere stato infedele alla moglie.

Re Carlo potrebbe ancora pagare cara l’infedeltà alla principessa Diana

Il Mirror ha riportato le parole del biografo reale Anthony Holden che ha affermato che la confessione di adulterio di re Carlo potrebbe innescare ancora oggi una “crisi costituzionale“. Come ha riportato anche il Guardian, infatti, si tratta di un caso unico nella storia in cui la Corona potrebbe non ricevere l’approvazione dell’istituzione ecclesiastica. Come si legge nell’articolo del noto tabloid: “La Chiesa d’Inghilterra non ha mai incoronato re un uomo divorziato, figuriamoci uno che ha pubblicamente confessato l’adulterio – con la donna in questione che si aspetta di essere incoronata regina consorte“. Un problema reale che per decenni ha rappresentato la più grande paura della regina Elisabetta. La Sovrana, infatti, qualche mese prima di morire ha espresso la propria volontà dichiarando pubblicamente che avrebbe desiderato Camilla nel ruolo di regina consorte.

Carlo e Camilla incoronazione
Ansa

Il biografo ha anche riportato i dettagli di un conversazione avuto con il defunto Robert Runcie, ai tempi arcivescovo di Canterbury. Runcie gli avrebbe detto che la situazione di Carlo richiederebbe una revisione del giuramento dell’incoronazione, che richiederebbe un nuovo statuto del Parlamento. Anche se altri esperti hanno messo in discussione questa opinione, l’incoronazione del nuovo Re si presta bene ad aprire un dibattito sulla legittimità al trono. Holden ha aggiunto: “Data la convenzione secondo cui il Parlamento non discute la monarchia senza il consenso del monarca, ciò richiederebbe al Primo Ministro di chiedere il permesso di re Carlo. Questo, mi ha detto Runcie, equivarrebbe a una crisi costituzionale“. Al momento il Regno Unito non sembra avere in mente di mettere in discussione la figura di Carlo III come nuovo Sovrano, ma la questione rimane aperta.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button