CoronavirusPrimo piano

Coronavirus, chi sono le persone più a rischio

Sono gli anziani e i malati, ma anche gli uomini più delle donne, le persone maggiormente a rischio di subire pesanti conseguenze da coronavirus. A confermare i risultati di un precedente studio, una maxi-ricerca cinese. Le autorità di Pechino l’hanno condotta su oltre 44.000 cittadini infettati dal Covid-19. La notizia è riportata online da Adnkronos.

Il più elevato tasso di mortalità lo si registra per coloro che hanno più di 80 anni. I dati del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ccdc) rilevano che oltre l’80% dei casi finora è stato lieve, e che proprio i malati e gli anziani sono maggiormente a rischio.

La ricerca, pubblicata sul Chinese Journal of Epidemiology, indica anche un elevato rischio per il personale medico. E questo dopo la morte di Liu Zhiming, 51 anni, direttore dell’ospedale Wuchang di Wuhan. Uno dei principali nosocomi nell’epicentro dell’epidemia.

Il rapporto del Ccdc mostra inoltre che il tasso di mortalità della provincia “nell’occhio del ciclone” è del 2,9% rispetto allo 0,4% nel resto del Paese. I risultati hanno portato il tasso di mortalità totale di Covid-19 al 2,3%. L’analisi condotta mostra che l’80,9% delle infezioni è classificato come lieve, il 13,8% come grave e solo il 4,7% come critico.

Il numero di morti tra le persone infette, noto come tasso di letalità, rimane basso, ma aumenta tra le persone con più di 80 anni. Quanto al genere, lo studio sembra confermare le prime sensazioni. Ovvero che gli uomini appaiono più esposti a rischi letali (2,8%) rispetto alle donne (1,7%).

Il report identifica anche le malattie pre-esistenti che mettono più rischio i pazienti. Al primo posto figurano le patologie cardiovascolari. Seguite da diabete, malattie respiratorie croniche e ipertensione. Buone notizie per i bambini. Lo studio ha individuato un tasso di mortalità pari a zero per i bambini piccoli.

Di tutt’altro tenore i risultati per gli operatori sanitari. Sottolineando il rischio per il personale medico, il documento afferma che all’11 febbraio scorso un totale di 3.019 operatori sanitari erano sospetti infettati, 1.716 dei quali casi confermati. Guardando al futuro, il documento rileva inoltre che “la curva epidemica dell’insorgenza dei sintomi” ha raggiunto il picco intorno al 23-26 gennaio, prima di diminuire all’11 febbraio.

Lo studio suggerisce che la tendenza al ribasso della curva epidemica complessiva potrebbe significare che “isolamento di intere città, trasmissione di informazioni cruciali (lavaggio delle mani, mascherine) attraverso più canali e mobilitazione di squadre multisettoriali di risposta rapida stanno contribuendo a contenere l’epidemia”. Ma gli autori avvertono anche che, con molte persone in arrivo dopo le vacanze, il Paese “deve prepararsi per il possibile rimbalzo dell’epidemia”.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button