Esclusiva VelvetPrimo piano

Giulia De Lellis: “Le corna? Ce le hanno tutti, ma io voglio sapere con chi dormo” [ESCLUSIVA]

Che poi spesso, soprattutto in Italia, avere successo (soprattutto commerciale) sembra quasi un peccato. E se sei anche decisamente bella, stilosa e seguita da milioni fan, desti invidie, commenti cattivi e il più delle volte irrispettosi. Se poi hai avuto dei fidanzati (più o meno) famosi, allora lo devi aver fatto solo per diventare celebre e avere i riflettori puntati su di te.

Ogni pensiero è lecito. La sottoscritta, dopo una chiacchierata informale e gradevole con Giulia De Lellis, non può che pensare che se anche ci fosse del calcolo dietro la persona e il personaggio, è un calcolo intelligente, ben studiato e convincente.

Tutto questo per dire che la ragazza (23 anni, oltre 4 milioni di follower su Instagram, una popolarità raggiunta attraverso la partecipazione a programmi televisivi e frequentazioni giuste) sa benissimo quello che vuole, ha una determinazione invidiabile, una grinta da vendere e obiettivi ben precisi, che di sicuro raggiungerà.

Quindi, inchino e chapeau a Giulia e a quella cazzimma che l’ha portata in vetta alle classifiche delle donne più seguite e ammirate d’Italia, soprattutto ora che è appena uscito il suo libro “Le corna stanno bene su tutto – Ma io stavo meglio senza!”

Eh sì. Perché per quanto bellissima, sensuale, sempre à la page e lanciatissima nel mondo dell’entertainment, anche la giovane ragazza nativa di Ostia è una comune mortale come noi, e proprio come noi è stata tradita (poverina… ma che sollievo!) da quell’Andrea Damante che milioni di italiane avevano conosciuto e ammirato a “Uomini e Donne”.

E quel libro appena uscito ci porta proprio ad approfondire e capire meglio come la nostra Giulia abbia smascherato il fedifrago, si sia vendicata dei tradimenti, e sia andata avanti nella vita.

Giulia De Lellis e il tradimento: la scrittura come strumento catartico di superamento del dolore

Perché dopo le corna subite dal bell’Andrea, Giulia si è rialzata, si è innamorata di Irama (giovane cantautore dagli occhi cerulei che quest’anno al Festival di Sanremo ha conquistato tutti con il brano “La ragazza con il cuore di latta”) ed è tornata a vivere. Al punto che, chiusa la breve storia con il nordico cantastorie, vive oggi un meraviglioso idillio con il pilota di moto GP Andrea Iannone (anche lui un bel pezzo di fusto!)

La intervistiamo al telefono, e sembra quasi di vederla (splendida e sorridente su un tacco 12, magari fasciata in un abito che mette in risalto il suo corpo perfetto) mentre con garbo, educazione, rispetto e senza la minima arroganza risponde precisa a tutte le nostre domande. E lo fa davvero con semplicità e naturalezza, senza forzature né esitazioni, con determinazione e precisione.

VELVET: Il titolo del tuo libro (uscito il 17 settembre ma già campione di vendite nei pre-order su Internet) è “Le corna stanno bene su tutto – Ma io stavo meglio senza!”. Mi incuriosisce molto il fatto che si dica “su tutto”, e non “su tutti” o “su tutte”. Come mai questa scelta?

GIULIA DE LELLIS: Le corna le hanno un po’ tutti, uomini e donne, si fanno nelle amicizie come in amore. Sono rimasta il più possibile neutra perché, purtroppo o per fortuna, ognuno di noi (chi più chi meno) subisce o ha subito questo tipo di situazioni. Pensa che nel mio team di lavoro nessuno approvava questo titolo, era fortemente osteggiato: ho dovuto battermi con tutte le mie forze per farlo approvare! Mi dicevano che era troppo lungo, che non avrebbe funzionato, che nessuno se lo sarebbe ricordato; invece secondo me è un titolo perfetto, è stata la mia prima idea. Insomma, ho fortemente voluto questo titolo e alla fine è stato un successone perché rimane in mente facilmente! Sono contenta di averlo voluto così tanto.

VELVET: Il libro è stato scritto a quattro mani con Stella Pulpo. Come avete lavorato insieme? È stato imbarazzante dover svelare lati così privati di te a qualcun altro? E che funzione ha avuto la scrittura per te?

GDL: Tra me e Stella è stato tutto molto naturale. Non ho mai provato disagio o imbarazzo a raccontarle anche cose molto intime e private: era come se la conoscessi da sempre, come se fosse una cugina più grande o una cara amica che aveva vissuto prima di me certe esperienze. Non c’è stato mai un minimo di disagio. Mi hanno dato la possibilità di scegliere da chi farmi aiutare in questa avventura, e quando ho incontrata Stella ho capito subito che era la persona giusta. Già dal primo giorno ho iniziato a parlare con lei come fosse l’amica di sempre. Non c’è mai stato un momento di disagio o di silenzio. Stella è stata fondamentale, senza di lei non avrei mai potuto scrivere il libro.

È stata bravissima a capire il mio modo di comunicare, a comprendere da subito come e cosa volevo trasmettere ai ragazzi e alle ragazze che mi seguono. Ha captato il mio modo di fare (sia studiandomi sui social, che di persona, che vivendomi e parlandomi) ed è riuscita a riprodurlo sul libro. Leggendo quelle pagine sembra proprio che sia io a raccontare la mia storia, c’è molto del mio vocabolario, del mio modo di esprimermi. Il mio libro è molto semplice, ma è merito suo se traspare la naturalezza e il tipo di comunicazione che io volevo.

Giulia De Lellis: “Ho sofferto tanto per le corna, ma vale sempre la pena vivere le storie d’amore”

VELVET: Forse proprio la tua semplicità, la tua naturalezza e la tua capacità di comunicare in modo diretto sono la tua forza….

GDL: Lo penso anch’io. Non mi sono mai posta sopra nessuno, non mi sono mai sentita né migliore né più speciale di qualcun altro. Il fatto che io sia così semplice viene apprezzato, in generale, e mi viene anche fatto notare spesso.

VELVET: Nella tua vita l’amore ti ha più salvato o ti ha più ucciso?

GDL: Bella domanda… Penso che mi abbia salvato nonostante tutto. Per quanto mi riguarda, credo che valga sempre la pena di viversi le storie d’amore.

VELVET: Alla luce di quello che ti è successo, di tutta la sofferenza che hai avuto, cosa pensi del vecchio detto che recita “Occhio non vede, cuore non duole”. Tu ci credi?

GDL: No, è un detto che non mi piace. Preferisco sapere chi ho davanti, con chi dormo, con chi esco. Sono una persona molto trasparente e pretendo lo stesso dagli altri. Quando vengono a mancare la trasparenza e la sincerità, io sto male. Preferisco sapere tutto. Quindi no, non mi piace questo modo di dire. È ovvio che meno sappiamo meglio stiamo, meno vediamo più tranquilli viviamo. Ma poi perché vivere nella menzogna, quando si può sapere?

Giulia De Lellis: “Semplicità e naturalezza sono le mie armi vincenti”

VELVET: Nella vita hai mai tradito? Pensi potrà mai succedere?

GDL: Quando sono innamorata, non tradisco. Ora sono innamorata, molto; lo sono stata un paio di volte in passato. Si tratta ovviamente di amori diversi, vissuti con consapevolezze differenti, ma no, non ho mai tradito. Penso che una persona di valore, che ama, non dovrebbe mai farlo. Né nelle storie sentimentali, né tanto meno in famiglia o con gli amici.

VELVET: Il tuo attuale fidanzato, Andrea Iannone, ha letto il tuo libro?

GDL: Il mio fidanzato conosce perfettamente la storia. Il libro sta là, su uno dei nostri mobili in casa. Ogni tanto Andrea lo vede e sa che, qualora vorrà, potrà leggerlo in qualsiasi momento. Lui sa tutto, appena ci siamo fidanzati gli ho raccontato nel dettaglio di questo progetto, ma non ha bisogno di leggerlo, conosce tutto il contenuto. Viviamo la questione in modo molto easy, è un uomo. Abbiamo grande rispetto l’uno per l’altra.

Giulia De Lellis: “Con Andrea? Speriamo di sposarci!”

VELVET: Ma parlate mai di matrimonio? Vi sposerete?

GDL: Speriamo! Al momento fantastichiamo, ce la viviamo. Ma speriamo di sì!

VELVET: Qualche settimana fa avete sfilato insieme sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia. Che emozione è stata per te?

GDL: Sono sempre molto emozionata quando si tratta di calcare i tappeti rossi, forse anche troppo. Quest’anno ho avuto la fortuna di condividere l’esperienza con il mio fidanzato ed è stato bellissimo, molto più leggero del solito.

VELVET: Hai 23 anni, 4.2 milioni di follower, hai già partecipato a “Uomini e donne” e al “Grande Fratello Vip”. Sei amatissima e seguitissima. Dove vuoi arrivare e cosa vuoi fare da grande?

GDL: Sicuramente da grande sarò una mamma; poi quello che mi porterà il futuro, dal punto di vista lavorativo, è tutto da vedere. Il futuro me lo vivo, me lo costruisco, me lo creo e spero di arrivare sempre più in alto. Mi piacerebbe molto entrare nel mondo della televisione, avere un programma tutto mio magari come presentatrice. Non dovesse funzionare questo piano, ho in mente tante altre idee, sono una persona molto creativa.

Giulia De Lellis: “La moda è come me, in continuo mutamento”

GDL: Ho in mente una linea di abbigliamento per bambini (da sempre il mio piccolo grande sogno). Penso a un’azienda che porti il mio nome e si occupi di beauty. Ho tanti progetti. Ho anche una linea di costumi in collaborazione con una nota azienda del settore: mi diverto a creare le mie capsule collections, mi lasciano carta bianca e io mi diverto a disegnare modelli tutti miei. Collaboriamo da ormai tre anni, e penso che anche in futuro questa relazione andrà avanti, perché siamo molto in linea con i pensieri e i gusti.

VELVET: Che rapporto hai con la moda? E come scegli i tuoi outfit?

GDL: Con la moda ho un rapporto molto stretto da quando sono nata: l’ho studiata, la vivo quotidianamente, è un po’ come me, in continuo cambiamento, non annoia mai, ci sono sempre un sacco di novità. Io sono una persona iperattiva, quindi è il mio ambiente, mi diverte e mi piace molto. Non la vivo come un lavoro, ormai è parte di me, del mio quotidiano. I vestiti li scelgo in base a come mi sveglio, ho una personalità molto varia.

Ci sono giorni in cui non ho voglia di vestire elegante e non mi faccio problemi a uscire in tuta, anzi mi piace indossare capi casual. I giorni in cui mi sento più femminile, non mi faccio il minimo problema a uscire col tacco alto o un abitino. Dipende dal mio umore, ho tante sfaccettature, una personalità varia e colorata. E poi penso che a 23 anni posso ancora permettermi di osare quello che voglio: se non lo faccio ora, quando devo farlo?

Giulia De Lellis: “Sto registrando il programma ‘Giortì’ e mi sto divertendo molto”

VELVET: A breve dovrebbe partire anche il programma da te condotto insieme a Gemma Galgani dal titolo “Giortì”. Ci puoi dare qualche anticipazione?

GDL: È vero, stiamo facendo questo programma in collaborazione con Witty TV (il portale multimediale fondato da Maria De Filippi, ndr). Proprio in questi giorni stiamo facendo le registrazioni, tra un impegno e l’altro mi dedico anche a questo lavoro e mi sto divertendo tantissimo. Non posso dirti molto, ma ti anticipo che in questo show ci intrufoliamo in feste molto particolari, le raccontiamo e le condividiamo con il pubblico nel migliore dei modi. Questo è ciò che proviamo a fare. La tv mi piace e mi diverte perché è in continuo cambiamento, mi fa sentire viva. Spero di poter continuare.

La telefonata si chiude così, con grandi ringraziamenti e calorosi saluti. E anche la sottoscritta ha avuto l’impressione di parlare con un’amica di sempre. Come direbbe Vasco: “Brava Giulia, prenditi la vita che vuoi!”.

Martina Riva

Musica&Cinema

Da sempre appassionata di tutto ciò che riguarda il mondo dell’intrattenimento, mi sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali con una tesi di laurea in Storia del Cinema sul film “Lolita” di Stanley Kubrick. Finita l’università, mi sono trasferita a Los Angeles, dove, tra le altre cose, ho ottenuto un certificate in giornalismo a UCLA; nella Città degli Angeli ho lavorato per varie TV tra cui KTLA, dove per tre anni mi sono occupata principalmente di cinema, coprendo le anteprime mondiali dei film e i principali eventi legati al mondo spettacolo (Golden Globes, Academy Awards, MTV Awards e altri). Nel 2005 sono approdata alla redazione spettacoli di SKY TG24 dove ho lavorato come redattrice, inviata ai Festival e conduttrice. Le mie passioni principali, oltre al cinema, sono i viaggi, il teatro, la televisione, l’enogastronomia e soprattutto la musica rock. Segni particolari? Un amore incondizionato per i Foo Fighters!

Back to top button