NewsPrimo piano

Siccità, scatta lo stato di emergenza al Nord Italia

Dal 4 luglio in Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli e Umbria. Forse anche in Lombardia e Lazio. Sarà nominato un Commissario straordinario

La siccità ha già messo in ginocchio l’agricoltura italiana. Tutto è pronto perché lunedì 4 luglio si applichi lo stato di emergenza nazionale. Si comincerà in 5 regioni del Nord.

La dichiarazione dello stato di emergenza coinvolgerà quei territori che ne hanno fatto richiesta esplicita, riporta il Corriere della Sera. Vale a dire: Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Umbria. Lombardia e Lazio si preparano. L’ufficialità arriverà il 4 luglio in Consiglio dei ministri. In concreto si tratta di cominciare a mitigare le conseguenze della siccità.

siccità
Foto Ansa/ Pier Paolo Ferreri

Non piove in maniera efficace per l’irrigazione e l’agricoltura dall’inverno. È cominciata, inoltre, la siccità estiva. La portata dei laghi e dei fiumi, a cominciare dal Po, è sotto il livello di guardia. L’acqua salata del mare Adriatico ha risalito il fiume più grande d’Italia per decine di chilometri compromettendo l’uso del bacino idrico per irrigare la terra.

Siccità da arginare, ecco cosa si farà

Occorrono interventi immediati. Le ipotesi in campo? Rilascio d’acqua dalle dighe. Collegamento da acquedotti vicini per alimentare autobotti. Razionamento dell’acqua potabile nelle case, di notte. Cosa, quest’ultima, che già avviene, dopo ordinanze dei sindaci, in diversi comuni del Piemonte, della Bergamasca e dell’Emilia-Romagna. Stop al rifornimento di acqua per riempire piscine e fontane, e irrigare giardini.

Nel Polesine la Cozza DOP di Scardovari (Rovigo), unica in Italia. La siccità ha ritardato la produzione di 2 mesi. L’eccessiva salinità del Po in secca, penetrato dal mare, non ha permesso la regolare crescita delle cozze. Foto Ansa/Riccardo Dalle Luche

“La crisi più grave da 70 anni”

Contro la “crisi idrica più grave degli ultimi 70 anni“, come l’ha definita il premier Mario Draghi, e un’estate che si annuncia molto preoccupante, scenderà in campo direttamente il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Stando al Corriere, lunedì 4 luglio il Governo dovrebbe emanare un decreto ad hoc, con la nomina di un Commissario straordinario per la siccità. In carica fino al 31 dicembre 2024 e con uno staff di 30 persone, il Commissario avrà il compito di avviare almeno 20 interventi prioritari salva-acqua” da realizzare “entro e non oltre” il 2024.

Perché l’Italia è indietro

Il problema è chi l’Italia appare impreparata ad affrontare la grande siccità che ci attanaglia, e i cambiamenti climatici che ogni anno che passa si fanno sempre più incombenti. Come lo stesso Draghi ha ricordato in conferenza stampa il 30 giugno, “la crisi idrica ha due fattori. Un deficit di pioggia degli ultimi anni e il cambiamento climatico. Ma poi ci sono cause strutturali come la cattiva manutenzione dei bacini e della rete affidata ai concessionari. C’è una dispersione di acqua che è pari al 30% mentre in altri paesi Ue è il 5%, 6%.” Nel decreto si prevederanno stanziamenti per i settori più colpiti. In Lombardia si stimano in 4-500 milioni di euro i danni per i raccolti andati persi quest’anno.

siccità roma
Il Tevere in secca a Roma. Foto Ansa/Massimo Percossi

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button