Healthy & BeautyPrimo piano

Le Beach Waves sono le protagoniste dell’estate: come realizzarle con il fai-da-te

Tornano a dettare tendenza e, in vista della stagione più calda dell'anno, questa tecnica si attua anche senza fonti di calore come phon e piastre

Come si realizzano le Beach Waves? Tradotta come “le onde dell’estate”, questa tecnica è tra le più gettonate per prendersi cura dei capelli d’estate e torna protagonista del 2022.

L’estate mette a dura prova la pazienza di chi, per rapidità o sofferenza, preferisce non asciugare i capelli con il supporto del phon. Ed ecco perché, in questo periodo dell’anno, tornano a gran voce le Beach Waves, una tendenza capelli che anche per l’estate 2022 si afferma come una delle tecniche più gettonate. Il segreto, infatti, sta nell’utilizzare metodi fai-da-te che permettono non solo di abolire il phon integrale, ma di sfoggiare capelli mossi da “effetto spiaggia” come suggerisce il nome stesso.

Beach Waves
Crediti: Pexels

La prima domanda che in molti si pongono è: le Beach Waves vanno bene per qualsiasi lunghezza? La risposta è: naturalmente sì, ma con riserva. Va da sé che chi ha dalla sua un pixie cut difficilmente riuscirà nell’intento, ma queste onde estive possono ravvivare anche un caschetto corto. Vediamo in che modo realizzare delle perfette Beach Waves senza utilizzare fonti di calore.

Come si fanno le Beach Waves: i trucchetti in casa

Le onde da spiaggia piacciono moltissimo d’estate perché regalano alla chioma volume e struttura senza dover ricorrere necessariamente a phon e piastre. Il primo metodo fai-da-te è semplicissimo e necessita semplicemente di qualche elastico. Le Beach Waves infatti possono affidarsi a semplici trecce. Una volta terminato lo shampoo, tamponate bene con l’asciugamano per sbarazzarsi dell’acqua in eccesso. Dopodiché, se andate di fretta, potete battere un colpo di phon oppure lasciare che i capelli si asciughino all’aria (magari mentre fate altro). L’importante è che risultino umidi e non bagnati. Raggiunto questo risultato, si passa allo step definitivo. Dividete i capelli in ciocche per raccoglierli in trecce armoniose: in questo caso potete scegliere se avere onde più larghe, quindi trecce più grandi, oppure onde più strette con mini trecce.

Beach Waves
Elodie/Elettra Lamborghini: Crediti: Instagram

Questa è sicuramente la tecnica più diffusa per realizzare Beach Waves senza utilizzare phon o piastra. Una volta realizzate le trecce, potete raccoglierle in uno chignon o lasciarle penzolare sulle spalle e attendere qualche ora. L’importante è sciogliere le trecce una volta che i capelli saranno asciutti. Per questo vi consigliamo di effettuare questa operazione poco prima di andare a dormire, in modo da sciogliere le trecce al mattino seguente. Se andate di fretta, datevi tempo qualche ora prima di sbarazzarvi delle trecce.

Beach Waves
Crediti: Pexels

Un altro metodo fai-da-te per le Beach Waves è il Torchon. Esattamente come le trecce, questa tecnica richiede capelli umidi, quindi ben tamponati (i più temerari possono concedersi anche qualche minuto di phon per velocizzare il processo). Una volta divisa la testa in ciocche, bisognerà arrotolarne una per una per poi fissarla con una molletta tenendo i capelli ben fermi. Anche in questo caso vi consigliamo di prepararli la sera prima, in modo da dormirci su tutta la notte. Una volta pronti per essere sciolti, passate le dita tra i capelli per dare valore e ordine ai capelli mossi e applicare uno spray per fissarli più a lungo.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button