Esclusiva Velvet

Parigi mon amour: cosa fare e cosa vedere nella capitale francese [ESCLUSIVA]

Parigi, splendida città d’arte e capitale dell’alta moda nel mondo, è sempre un’ottima scelta per trascorrere un week end o anche più giorni in qualsiasi periodo dell’anno, non solo con la propria dolce metà, ma anche da soli, con gli amici o con i familiari. Perché “Parigi è sempre una buona idea”, così come recitava l’indimenticabile Audrey Hepburn nel film cult Sabrina. E prima di lei anche la diva Maria Callas affermava: “Parigi detta la moda al mondo intero!”. Ed è proprio qui che i più grandi stilisti calcano le passerelle per proporre i loro sofisticati abiti di haute couture.

Nonostante si affaccino i nuovi catwalk asiatici, la Ville Lumiere resta comunque il punto di riferimento dell’alta moda. Ecco dunque che andare a Parigi durante le sfilate è sicuramente un’esperienza emozionante per tutti gli appassionati di moda. Non a caso anche i grandi nomi italiani come Giorgio Armani, Antonio Grimaldi, Giambattista Valli e Valentino – quest’ultimo presente ormai da anni in calendario – hanno scelto di esibirsi a Parigi insieme alla maison storiche dell’alta moda: Chanel, Dior, Jean Paul Gaultier, Givenchy.

È facile capire come la capitale francese, consapevole dell’appeal glamour che emana al mondo intero, unito ad i capolavori artistici e monumentali ed alle particolarità gastronomiche e vinicole, divenga una fra le prime mete al mondo del turismo internazionale. Simbolo di Parigi è naturalmente la Torre Eiffeil che, con i sui 321 mt di altezza, ha rappresentato fino al 1930 l’edificio più alto al mondo. La costruzione, situata in Champ de Mars e realizzata interamente in ferro battuto, di sera assume un fascino assoluto. Oltre alla normale illuminazione serale, ogni ora la struttura viene sollecitata da migliaia di piccoli flash per circa cinque minuti. Uno spettacolo emozionante che vale la pena di vedere almeno una volta nella propria vita.

Per chi volesse osare di più, è possibile persino mangiare all’interno della Dama di Ferro. Si può scegliere dal ristorante più economico, il 58 Tour Eiffeil, situato al primo livello, al più sofisticato Le Jules Verne, con panorama mozzafiato al secondo piano e con prenotazione obbligatoria. Qui potrete assaporare i menù esclusivi degli chef stellati Thierry Marx e Frederic Anton realizzati con foie gras con tartufo e carote, ostriche, aragosta bretone e pollo di Bresse. Entrambi i locali sono aperti sia a pranzo che a cena.

 

Dal punto di vista artistico e museale la capitale francese è imbattibile. Fra le tappe obbligatorie c’è la visita al famoso Museo Louvre, primo al mondo per numero di visitatori, con ben 35.000 opere in esposizione permanente suddivise in otto sezioni. Prendetevi pertanto almeno quattro ore di tempo per il vostro tour. Situato nel I arrondissement, tra la Senna e la celebre Rue de Rivoli, la struttura colpisce già esternamente per la celebre forma a piramide di vetro ed acciaio.

All’interno del Louvre sono perfettamente conservati capolavori artistici importantissimi, come la Nike di Samotracia, che si erge sulla scalinata che porta verso le stanze dei pittori francesi ed italiani. Ammirando questa magnificenza non è difficile imbattersi in una vera e propria Sindrome di Stendhal. La perfezione delle forme scolpite nel marmo della Dea della Vittoria, sportiva e bellica, è grandiosa.

Ma non solo: al Louvre troverete la celebre Gioconda di Leonardo Da Vinci. La Monna Lisa dai lunghi capelli neri che, nella celebre posa di tre quarti, osserva serena lo spettatore. Sono presenti anche le famose statue di Amore e Psiche del Canova, la Venere di Milo, ma anche la Stele degli Avvoltoi, il Codice di Hammurabi, il Giuramento degli Orazi di Jacques-Louis David e l’Apollo e Dafne di Tiepolo. Da vedere anche la notevole collezione di arte egizia, prima al mondo dopo quella del Cairo, con le innumerevoli mummie.

A ridosso del Louvre c’è il grande centro commerciale Carrousel du Louvre che ospita numerosi negozi, ristoranti ed un teatro. Da qui si può facilmente raggiungere Rue de Rivoli per lo shopping. In questa via troviamo il centro commerciale BHV, ovvero il Bazar de l’Hotel de Ville, il grande magazzino aperto nel 1856, ma anche Naf Naf , dove sicuramente riuscirete a scovare un abito stile francese ad un prezzo più che contenuto. Da questo punto camminando si arriva facilmente a Notre Dame. Si cerca di ricostruire la cattedrale, gioiello dell’architettura gotica, visibilmente rovinata nella parte superiore, dopo l’incendio dei mesi scorsi. Il terribile avvenimento ha scosso nel profondo l’animo dei cittadini francesi e non solo.

Percorrendo la Senna troverete sulla sua sponda le famose stampe antiche o moderne da acquistare. Non può mancare una passeggiata sugli Champs Élysées, conosciuti come “La plus belle avenue du monde”. Si possono percorrere da est, da Place de La Concorde fino a Place Charles de Gaulle con lo storico Arco di Trionfo, voluto da Napoleone per celebrare le sue battaglie, ad ovest. Sulla celebre via ci sono le grandi boutique di Louis Vuitton, Cartier e Dior, i rinomati ristoranti Laurent e Fouquet’s, dove sorseggerete dell’ottimo Cristal Roederer o del Krug Grande Cuvèe, i teatri Marigny e Rond-Point ed il padiglione Espace Cardin, spazio eventi.

Non si può non andare al Museo d’Orsay in Rue de la Légion d’Honneur, che espone le più importanti opere d’arte impressionista, come Le déjeuner sur l’herbe di Édouard Manet. In Rue Marceau tappa obbligatoria è al Museo di Yves Saint Laurent, che nasce nella sede che ospitò gli uffici della maison ed in seguito la Fondation Pierre Bergé-Yves Saint Laurent. All’interno sono esposti 5.000 pezzi di abbigliamento, 15.000 accessori, l’iconico abito Mondrian, la giacca safari e lo smoking da donna. Il delizioso quartiere di Montmartre, simbolo della Parigi bohémien, con le sue stradine ed i suoi graziosi caffè, la Basilica del Sacro Cuore, la Chiesa di St. Pierre de Montmartre, meritano una visita insieme a Pigalle, dove ha sede il Moulin Rouge, il famoso cabaret dove nacque il cancan. Lo spettacolo è da vivere per una sera.

A 20 km da Parigi c’è la Reggia di Versailles, grandiosa residenza del Re Sole, dove ammirerete la Galleria degli Specchi, i monumentali giardini ed il Grande e Piccolo Trianon, rispettivamente dependance del palazzo e luogo preferito da Maria Antonietta.

Le Galeries Lafayette, in boulevard Haussmann nel 9° arrondissement, è il tempio dello shopping parigino, con all’interno ben 70.000 mq di negozi. Sicuramente non vi lascerà andare via a mani vuote. Vale la pena di recarsi anche solo per vedere la cupola in stile bizantino, che illumina di luce dorata tutta la struttura, e la terrazza panoramica, da cui si vede tutta la città.

Nei mercatini organizzati da Violette Sauvage e da Le Salon du Vintage, presso il Carreau du Temple, scoverete invece dei pezzi vintage unici. Con ben 16 linee di metro a disposizione, bus urbani, panoramici, notturni e navette aeroportuali girerete facilmente ogni parte della città.

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button