NewsPrimo piano

Angelus dell’Epifania: Papa Francesco esorta ad avere coraggio

Sull'esempio dei Re Magi il Santo Padre invita a guardare verso la vera "meta della vita"

Nel giorno in cui la Chiesa Cristiana celebra il momento della manifestazione (Epifania) di Gesù all’umanità, Papa Francesco invita ad avere lo stesso coraggio che ha guidato il cammino dei Magi. Il Santo Padre esorta tutti procedere sapendo distinguere la reale “meta della vita, dalle tentazioni“. E a godere, dopo un lungo viaggio, della meraviglia della pace.

Il 6 gennaio la Chiesa Cristiana orientale e occidentale celebra la manifestazione di Gesù all’intera umanità: l’Epifania. Un momento simbolico e cruciale che conclude il tempo di Natale e che si esprime con la presenza simbolica dell’arrivo dei Magi. Questi re venuti da ogni angolo del mondo per adorare il Bambino nato nella grotta. I Re Magi sono l’umanità, il popolo tutto a cui Dio sceglie di mostrare suo Figlio. E seguendo i passi di questo momento carico di importanza e significato, Papa Francesco esorta, prima nell’omelia della celebrazione solenne e poi nel messaggio che precede l’Angelus, ad avere lo stesso coraggio di questi uomini. Un coraggio fatto da un lungo cammino, fatto di insidie, perplessità e tentazioni, ma che conduce alla vera meta della vita: la gioia e la ‘umile grandezza’ di un bambino nato in una mangiatoia.

Papa Francesco Angelus nel giorno dell'Epifania
Papa Francesco, preghiera dell’Angelus dalla finestra del palazzo apostolico @Crediti Ansa – VelvetMag

Sull’esempio dei Magi

Nel giorno dell’Epifania, Papa Francesco ha presieduto la santa Messa celebrata per la solennità. In questa occasione, il Pontefice ha incentrato l’omelia sul valore simbolico dei Magi e sull’esempio che ciascuno può cogliere dalla loro esperienza. “L’affascinante avventura di questi sapienti d’Oriente ci insegna che la fede non nasce dai nostri meriti o da ragionamenti teorici, ma è dono di Dio. La sua grazia ci aiuta a destarci dall’apatia e a fare spazio alle domande importanti della vita, domande che ci fanno uscire dalla presunzione di essere a posto e ci aprono a ciò che ci supera“. I Magi rappresentano, in tal senso, l’inizio di queste domande, di quella che il Santo Padre definisce “l’inquietudine delle domande“. I Magi insegnano a scrutare il cielo e a lasciarsi stupire dalla luce di una stella che indica il vero cammino.

Il vero cammino, infatti, come vuole sottolineare Papa Francesco nel giorno dell’Epifania, nasce quando ciascuno è in grado di farsi destare dalle proprie domande. Quando si è capaci di interrogarsi senza adagiarsi sulle abitudini. Il cammino inizia: “Quando smettiamo di conservarci in uno spazio neutrale e decidiamo di abitare gli spazi scomodi della vita, fatti di relazioni con gli altri, di sorprese, di imprevisti, di progetti da portare avanti, di sogni da realizzare, di paure da affrontare, di sofferenze che scavano nella carne“. E solo in questi momenti, infatti, che nel cuore nascono le domande vere che spingono verso la ricerca dell’aspirazione massima: la felicità. Ovviamente dopo le domande, il secondo luogo che conduce alla gioia è il “rischio del cammino“. Mettersi in viaggio, avendo salda una meta, ma sempre con la consapevolezza che la strada non sarà sempre lineare e priva di imprevisti. Ed, infine, al termine di un lungo viaggio (come i Magi) entrare nella grotta e porsi con l’animo propenso allo “stupore dell’adorazione“. Questo è il cammino della fede, ma anche il cammino della vita.

Papa Francesco durante la Messa dell'Epifania
Papa Francesco durante la celebrazione liturgica nel giorno dell’Epifania (6 gennaio 2023) @Crediti Ansa – VelvetMag

Il messaggio di Papa Francesco nel giorno dell’Epifania

Dopo la Messa, Papa Francesco si affaccia dalla finestra del palazzo apostolico per la preghiera dell’Angelus nella solennità dell’Epifania. E anche in questo secondo momento celebrativo, il Santo Padre torna sulla figura dei Magi, spiegando come di essi sono noti i doni. Ma loro, per primi, ricevono tre doni che, come precisa il Santo Padre: “Riguardano anche noi“. Il primo di questi doni è la chiamata. “I Magi non l’hanno avvertita per aver letto la Scrittura o aver avuto una visione di angeli, ma mentre studiavano gli astri. E si sono messi in cammino verso quello che non conoscevano“. Uomini colti e sapienti che hanno voluto andare oltre ciò che sapevano, non si sono accontentati e sono usciti dalle loro comodità. Un invito che il padre torna a fare a ciascuno dei fedeli in ascolto: “Perché Dio chiama ogni giorno, qui e oggi, nel nostro mondo“.

Il secondo dono è il discernimento, ovvero la capacità di sapere compiere la scelta più opportuna. Essi, infatti, non si lasciano ingannare da Erode, ma si lasciano guidare dalla stella verso la vera meta. E dopo aver saputo rinunciare alle tentazioni, anche a quelle più suadenti, i Magi ottengono il dono della sorpresa. Non trovano, infatti, davanti ai loro occhi una scena stupefacente, ma semplice e grandiosa per questo: un bambino accudito dalla sua mamma. “Umanamente siamo tutti portati a ricercare la grandezza, ma è un dono saperla trovare davvero. Saper trovare la grandezza nella piccolezza che Dio tanto ama. Perché il Signore s’incontra così: nell’umiltà, nel silenzio, nell’adorazione, nei piccoli e nei poveri“. Papa Francesco chiede di saper vivere nel coraggio e allo stesso tempo di non temere mai rispetto alle cose che la vita presenta. Anche nelle situazioni più dure, l’esortazione del Santo Padre è: “Apriamo il cuore all’inquietudine, chiediamo il coraggio per andare sul cammino e finiamo nell’adorazione: non abbiamo paura!“.

Papa Francesco, Messa dell'Epifania
Papa Francesco durante la celebrazione Eucaristica in occasione dell’Epifania (6 gennaio 2023) @Crediti Ansa – VelvetMag

Francesca Perrone

  • Cultura, Ambiente & Pets

    Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
    Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Back to top button