Primo pianoRoyal Life

Re Carlo finalmente è sulle monete circolanti

L'effigie del Sovrano finalmente non solo nella forma commemorativa

Milioni di monete da 50p con l’effigie di re Carlo III sono entrate in circolazione da giovedì 8 dicembre attraverso gli uffici postali di tutto il Paese. Si tratta delle primissime monete prodotte in serie che portano l’immagine del nuovo re e saranno distribuite in resto ai clienti. La BBC riporta che, secondo le stime ufficiali, saranno circa 4,9 milioni le nuove monete che entreranno in circolo tramite gli uffici postali. Si tratta di circa la metà del numero totale destinato alla circolazione.

Chi si recasse adesso nel Regno Unito si troverebbe, dunque, di fronte ad una situazione di transizione dal vecchio al nuovo governo. Le monete che recano l’immagine della regina Elisabetta saranno accettate nei negozi per ancora un bel po’ di tempo. L’8 dicembre, dunque, ha segnato solo la data di inizio di un passaggio che richiederà diverso tempo.

Moneta di re Carlo
Ansa – la moneta di re Carlo III

Rebecca Morgan, direttore dei servizi di raccolta presso The Royal Mint, ha commentato la notizia dicendo: “Oggi segna una nuova era per la monetazione del Regno Unito, con l’effigie del re Carlo III che appare su 50ps in circolazione. Prevediamo l’emergere di una nuova generazione di collezionisti di monete, con persone che tengono d’occhio il loro cambiamento per cercare di individuare un nuovo 50p che porta il ritratto del nostro nuovo Re“. Finora la moneta era stata mostrata al pubblica qualche settimana dopo la morte della regina Elisabetta. Alcuni l’avevano già acquistabile nell’edizione commemorativa.

In circolo la prima moneta di re Carlo: il significato dell’immagine

La moneta di re Carlo III è stata coniata dalla Royal Mint di Llantrisant, nel Galles. L’immagine rappresenta il profilo del re prodotto dallo scultore Martin Jennings. L’artista si è servito delle immagini del sovrano nel giorno del suo settantesimo compleanno per creare un profilo che somigliasse il più possibile a quello del re. Jennings ha descritto il proprio lavoro come “un’esperienza davvero notevole” affermando che si tratta dell’opera più piccola che abbia mai prodotto. L’amministratore delegato degli uffici postali, Nick Read, ha commentato l’operazione come un “enorme onore” affermando che si tratterà di un cambio graduale di moneta. Nel corso delle prossime settimane verranno prodotte altre monete che sostituiranno gradualmente quelle danneggiate o consumate con il ritratto della regina Elisabetta.

Monete con l'immagine di re Carlo
Ansa – Fronte e retro delle monete con l’immagine di re Carlo

L’omaggio ad Elisabetta II e agli stemmi del regno

Al momento si stima che ci siano circa 27 miliardi di monete che circolano nel Regno Unito con l’immagine di Elisabetta II. Gli inglesi potranno continuare ad usarle ancora. La moneta di re Carlo, d’altronde, si pone in perfetta continuità con la precedente anche da un punto di vista simbolico. Nella moneta, infatti, il re è rivolto a sinistra, seguendo la tradizione secondo cui ogni monarca guarda nella direzione opposta rispetto al suo predecessore. L’immagine del profilo è circondata dalle parole “Carlo III, DG Rex, FD” che sta per “Carlo III, per grazia di Dio, re, difensore della fede“. L’altro lato, invece, presenta un omaggio alla regina Elisabetta II. Si tratta, infatti, di una copia del disegno utilizzato sulla corona del 1953 coniata per commemorare l’incoronazione della regina. Include quattro stemmi che compongono quello reale raffigurati all’interno di uno scudo. Tra uno scudo e un altro vi sono una rosa, un cardo, un trifoglio e un porro, che rappresentano rispettivamente l’Inghilterra, la Scozia, l’Irlanda e il Galles.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button