Primo pianoRoyal Life

Principe William sotto attacco da parte degli hacker russi

Il noto gruppo Killnet ha voluto punire il sostegno dei reali all'Ucraina

Un noto gruppo hacker russo ha affermato di aver attaccato il sito web del principe William a causa del continuo sostegno della Famiglia Reale all’Ucraina. In un messaggio pubblicato su Telegram, Killnet ha dichiarato di aver lanciato l’attacco per impedire al Regno Unito di fornire missili all’Ucraina nella sanguinosa guerra dell’Europa orientale.

Killnet è una nota società di hackeraggio russa che sostiene le azioni intraprese da Putin. Qualche mese fa aveva tentato di attaccare l’Eurovision Song Contest. Nelle ultime ore ha deciso di prendere di di mira proprio il sito web del principe di Galles. Il sito web è ora in fase di caricamento e i media riportano che Cloudflare, un’azienda che fornisce connessioni web sicure, si sta occupando di ristabilire l’ordine.

Ansa

La Killnet ha dichiarato che quello all’erede al trono è solo il primo attacco. Nel suo messaggio, infatti, ha anche promesso che “tutte le istituzioni mediche, i servizi governativi e i servizi online” subiranno un colpo simile. Stando a quello che riportano i tabloid inglesi, l’attacco sarebbe avvenuto nelle prime ore della mattinata di oggi. In altri post, il gruppo di hacker ha affermato di aver preso di mira i siti della Borsa di Londra, dell’esercito britannico e di Bacs, il sistema di compensazione automatizzato dei banchieri.

Gli hacker attaccano il sito del principe William prima di rivolgersi agli altri siti del Governo

Il gruppo che sostiene il Cremlino avrebbe agito sopraffacendo i server con richieste fasulle inviate dai bot. Sebbene il sito web del principe William sia ora in fase di caricamento, sembra che un team si stia occupando di implementare i sistemi di sicurezza con aggiunte alle sue connessioni sicure. Sebbene Killnet abbia affermato di aver preso di mira anche il sito ufficiale dell’esercito britannico, quest’ultimo ha affermato che è in fase di “manutenzione programmata“.

Ansa

Un esperto di sicurezza informatica ha dichiarato all’Express.co.uk che si è trattato di attacchi “non molto sofisticati e che gli hacker non avevano “probabilità di compromettere dati o sistemi utilizzando questo approccio“. Secondo lo stesso esperto, infatti, si tratta di una modalità obsoleta che oggi i vari reparti informatici possono individuare e combattere in poco tempo.

Ansa

Il gesto, però, mostra che il principe William si è fatto dei nemici all’Estero per il suo appoggio pubblico all’Ucraina. Qualche mese fa, infatti, il presidente Zelensky ha persino ringraziato personalmente la coppia del principe e della principessa del Galles per il loro sostegno alla reazione all’attacco della Russia.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button