Primo pianoRoyal Life

Meghan nella bufera per il podcast con Paris Hilton: “Morde la mano che l’ha nutrita”

L'esperta reale ha trovato incoerenti alcune dichiarazioni della duchessa di Sussex

Nelle ultime ore fa discutere la nuova puntata di Archetypes, il podcast ideato e condotto da Meghan Markle. Nel corso dell’ultimo episodio, infatti, la duchessa di Sussex si è confrontata con Paris Hilton, provando a sdoganare il pregiudizio delle bionde sciocche. Ma questa puntata ha sollevato polemiche su molti fronti ed una nota esperta reale non ha mancato di sottolineare l’incoerenza della Markle.

Nei primi minuti dello show, la Hilton ha esordito dicendo: “Sono gentile, ho un grande cuore, sono un Acquario. Amo gli animali e sono timida. Sono un maschiaccio. Sono un nerd sotto copertura. Amo i cartoni animati“. Subito dopo ha svelato la propria identità e ha ringraziato Meghan Markle per averle offerto l’opportunità di mostrarsi come è davvero.

Ansa

La stessa moglie del principe Harry ha introdotto la propria ospite con entusiasmo affermando: “Si tratta proprio della vera Paris Hilton, non l’archetipo che conosci da così tanto tempo“. Così l’intento della puntata si è dimostrato fin da subito quello di sdoganare l’idea per cui una ragazza bionda è meno intelligente di una bruna.

Meghan Markle lancia l’episodio con Paris Hilton tra mille polemiche

Come riportato dal Daily Mail e da altri giornali inglesi, l’episodio del podcast in cui Meghan Markle chiacchiera con Paris Hilton non è perfettamente riuscito nel suo intento. La commentatrice reale, infatti, ha rilevato una certa incoerenza da parte della duchessa di Sussex. Se in Archetypes la Markle si è impegnata ad allontanare il pregiudizio delle “bionde stupide”, in passato ha cavalcato l’onda di pregiudizi simili per il proprio lavoro.

Ansa

La duchessa di Sussex, infatti, ha ricordato con poco affetto il periodo in cui ha lavorato per la trasmissione Deal or No Deal. Lì svolgeva un ruolo da valletta, che ha abbandonato dopo 34 episodi perché la faceva sentire “per nulla intelligente“. Al contrario pensava che la trasmissione la rendesse come un “oggetto” e ha dichiarato: “Non mi piaceva sentirmi costretta a sembrare tutto“. Ha concluso dichiarando che spera che sua figlia Lilibet un giorno verrà giudicata “per la sua intelligenza e non per la bellezza”.

Ansa

Le sue affermazioni, però, non hanno sortito l’effetto desiderato. La famosa autrice Angela Levin, infatti, ha criticato le parole di Meghan Markle affermando che si è mostrata poco riconoscente nei confronti di un lavoro, che ha comunque accettato di fare. La Levin ha dichiarato al Sun: Sta mordendo la mano che l’ha nutrita. Ha accettato quei lavori perché non ne aveva altri. Ma se ha il cervello, perché non ha pensato: ‘questo riguarda la bellezza e io non lo faccio?’. Era molto condiscendente“.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button