Primo pianoRoyal Life

Camilla: scoppia la polemica per la corona che ha scelto

La decisione potrebbe perfino portare a diatribe politiche internazionali

Il prossimo 6 maggio re Carlo e la regina Camilla saranno i protagonisti della cerimonia di incoronazione. Fervono i preparativi ed emergono i primi dettagli e le prime polemiche. È stato riferito, infatti, che la corona che avrebbe scelto la regina consorte può sollevare ben più di una polemica. Perché? Contiene il ​​controverso diamante Koh-i-Noor. Un gioiello capace di sollevare questioni di “sensibilità politica“.

Il Daily Mail ha riportato che Camilla dovrebbe indossare per la cerimonia una corona molto preziosa, che contiene ben 2.800 diamanti incastonati. Alla sommità, invece, nella croce frontale si trova il famoso diamante Koh-i-Noor da 105 carati, uno dei più grandi diamanti tagliati al mondo.

Ansa

Il noto tabloid, è venuto a conoscenza del fatto che c’è un “notevole nervosismo” sull’argomento. Come è noto, infatti, da anni va avanti una controversia sulla proprietà del diamante, che proviene dall’India ed è rivendicato non solo da diversi paesi della regione. La gemma può essere staccata ed utilizzata anche su altri diademi. Ma l’idea di utilizzare proprio questo diamante ha subito scatenato la polemica.

Il diamante scelto da Camilla potrebbe generare un caso diplomatico

Come riporta una fonte vicina alla Famiglia Reale, inizialmente “il piano originale prevedeva che la regina consorte fosse incoronata con la corona che la defunta Regina Madre aveva quando suo marito salì al trono“. Il piano originale, però, risale a qualche anno fa, quando per la prima volte si fece avanti l’idea di Camilla come regina consorte. L’insider ha anche aggiunto: “Ma i tempi sono cambiati e Sua Maestà il Re è estremamente sensibile a questi problemi, così come i suoi consiglieri. Ci sono gravi sensibilità politiche e notevole nervosismo intorno a loro, in particolare per quanto riguarda l’India“.

Ansa

Buckingham Palace, con un comunicato ufficiale, qualche giorno fa ha rivelato che gli ulteriori dettagli saranno rivelati solo in seguito. Ma la questione delle corona, in particolare di quella della regina consorte, rischia di rivelarsi un punto critico dell’organizzazione. La tiara in questione risale al 1937, quando i gioiellieri la realizzarono per la regina Elisabetta, moglie di re Giorgio VI. Utilizzarono molte pietre già presenti nella collezione reale, soprattutto gemme provenienti dalla Regal Circlet della regina Vittoria. La storia del diamante Koh-i-noor, però, non si ferma lì. Era stato montato sulle corone della regina Alexandra e della regina Mary, ed era stato nuovamente montato sulla corona scelta da Camilla.

Ansa

Pur appartenendo alla Corona da moltissimo tempo, però, il diamante pone il problema della provenienza. È impossibile sapere esattamente da dove provenga, ma è certo che si tratti del territorio indiano. La gemma è collegata al sovrano Mughal ed è rimasta in India fino al 1813. La Gran Bretagna lo comprò nel 1849. Nel 1855 Duleep Singh, ultimo imperatore dei Sikh lo donò alla regina Vittoria, ma su questa donazione si apre la controversia. Secondo alcuni, infatti, il principe fu costretto” a firmare l’atto di donazione.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button