Arte e CulturaDesign e ArchitetturaPrimo piano

Deliveroo con IED: miglior concept di design per il food delivery

Un pouf contenitore in grado di mantenere al caldo al cibo ordinato: le nuove abitudini che cambiano le classiche regole di stare a casa

Deliveroo, in collaborazione con IED Istituto Europeo di Design di Firenze, presenta il risultato del progetto The new dining table is not a table. Ovvero, reinterpretare elementi di arredo domestici secondo le nuove esigenze e i nuovi riti creati dal food delivery.

Le abitudini di consumo sono cambiate all’interno delle case e, con esse anche il rapporto con gli spazi domestici. Secondo una ricerca di SWG per Deliveroo, sì alla tradizionale tavola da pranzo, ma ancor più comodi i luoghi “alternativi” al consumo del cibo. Le cene e gli stessi pranzi si svolgono con maggiore frequenza seduti sui divani, sulle poltrone e perfino sul letto. Dunque, cerchiamo più comodità dopo una giornata di lavoro e un progetto che mira al rinnovo dell’arredo domestico. Alla luce dell’affermazione dei servizi di food delivery e dei nuovi rituali di consumo, un pouf contenitore in grado di mantenere al caldo al cibo ordinato. Questo è il concept work vincitore di The new dining table is not a table. L’innovativo progetto di design nato dalla collaborazione tra Deliveroo e IED Istituto Europeo di Design di Firenze.

Deliveroo collabora con IED
Courtesy of Press Offic

Deliveroo con IED: il progetto di design che cambia le regole di “stare” a casa

Con maggiore frequenza si sceglie di ordinare a domicilio il proprio pasto. Che esso sia pranzo o cena, ci si ritrova sempre di più a consumare il cibo seduti comodamente su un divano, su una poltrona. O addirittura anche su un letto. Le abitudini di come “stare” a casa sono cambiate in base alle nuove abitudini dei consumatori e, l’affermarsi dei servizi di food delivery mutano anche il rapporto con gli spazi domestici. Si può prevedere che evolveranno anche gli elementi stessi di arredo. Ma in che modo? Il concept work premiato è “IT IT“, un nome originale per l’espressione inglese “heat eat” (mangiare caldo), corrisponde a uno speciale pouf-contenitore termico per il salone di casa, da posizionare magari davanti al televisore, in grado di mantenere al caldo il cibo ordinato su Deliveroo, senza nessun impiego di energia.

 

Deliveroo e IED
Courtesy of Press Office

“Ringraziamo IED per l’entusiasmo con cui ha voluto prendere parte a questo progetto” – commenta Matteo Sarzana, General Manager di Deliveroo Italy – “Abbiamo apprezzato moltissimo l’impegno messo in campo dai ragazzi ed i concept presentati. Sono ricchi di spunti e sono molto utili per comprendere ancora di più come un servizio come Deliveroo sia recepito dai più giovani. Il food delivery è diventato parte integrante delle abitudini di consumo, al punto tale da far evolvere anche i rapporti con gli spazi della casa”. “La moda si è recentemente confrontata con marchi di arredamento e logistica e la scuola lo fa ora con il food delivery” dichiara Danilo Venturi, Direttore IED Firenze.

Il progetto The new dining table is not a table

Al progetto hanno partecipato 12 studenti frequentanti i corsi di laurea in Interior and Furniture Design e Comunicazione Pubblicitaria che, sulla base di competenze, creatività ed esperienza personale, hanno sviluppato idee per ripensare ad elementi di arredo tipici delle nostre case in funzione del consumo a domicilio. Spesso infatti accade che la tradizionale tavola non sia più l’unico luogo adibito a pranzi e cene. Secondo una ricerca Swg per Deliveroo al tavolo da pranzo, che raccoglie ancora il 70% delle risposte come luogo ideale per consumare cibo, si affiancano altri spazi domestici in grado di offrire maggiore comodità e convivialità come il divano (24% delle risposte), il letto (10%) e la poltrona (9%), apprezzati in modo particolare dai più giovani.

Deliveroo e IED
Courtesy of Press Offic

Le caratteristiche di IT IT

Gli studenti coinvolti, divisi in due gruppi e guidati dal professor Francesco Toselli, hanno realizzato due concept work sulla base di un brief condiviso. Le proposte sono state valutate da un team di Deliveroo, per creatività, aderenza alla richiesta, aspetti funzionali e capacità comunicativa. Deliveroo ha deciso di premiare IT IT, un nome originale per l’espressione inglese “heat eat” (mangiare caldo): uno speciale pouf termico in grado di essere sia una comoda seduta da salotto che un pratico contenitore isolante in grado mantenere al caldo l’ordine. IT IT è bello, pratico, funzionale ed in grado di mantenere al caldo il cibo ordinato senza impiego di energia. Questo pouf-contenitore, mantiene la temperatura del delivery grazie al comparto isolante interno che trattiene il calore e permette di gustare al meglio il cibo ordinato, senza nessun impiego di energia.

Deliveroo collabora con IED, il tavolo
Courtesy of Press Offic

Il legno esterno in multistrato compensato assicura resistenza e comodità. L’imbottitura in gommapiuma lo rende un oggetto quotidiano per tutti i momenti di relax. La sua forma rotonda invece celebra la convivialità e lo stare insieme e si adatta perfettamente ad ogni casa, di qualsiasi sia la metratura. Per il rivestimento esterno è creato un pattern che riproduce il logo di Deliveroo, su un tessuto dall’iconico colore teal del brand. Per ottimizzare ulteriormente la praticità, il coperchio del pouf può diventare all’occorrenza in un comodo piano sul quale appoggiarsi durante il pasto.

Il progetto è stato realizzato da: Enrico Della Guerra, Hu YingYing, Irene Moretti, Eugenia Poli, Sara Vivarelli e Zhang Shuting.

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button