MondoNewsPrimo piano

New York, il ricercatore Davide Giri ucciso vicino alla Columbia University

Di Alba (Cuneo), 30 anni, è stato accoltellato. Ingegnere elettronico di primo livello, era attivo nel volontariato. Ferito un secondo italiano

Davide Giri, 30 anni, dottorando italiano della Columbia University di New York, è stato ucciso ad Harlem, non lontano dal campus universitario, mentre faceva jogging a Morningside Park, riporta il New York Post. L’aggressione mortale è avvenuta attorno alle 23 di ieri 2 dicembre (le 5 del mattino di oggi in Italia). Il ricercatore ha perso la vita al Mount Sinai Morningside Hospital dove i sanitari lo avevano trasportato d’urgenza a seguito di un accoltellamento all’addome.

Accoltellato anche un altro italiano

Pochi minuti dopo, la polizia era intervenuta per un altro accoltellamento, poco distante dal luogo dell’aggressione a Giri. Vittima, in questo caso, un giovane di 27 anni, che secondo i media locali sarebbe un turista italiano, al suo primo giorno nella metropoli. È ricoverato in condizioni giudicate stabili. La polizia ha poi arrestato un ragazzo sui 25 anni – il presunto aggressore di Giri e del secondo italiano – che si trovava in Central Park. Poco prima aveva minacciato una persona. L’assalitore sarebbe membro di una gang criminale. Dal 2012 è stato arrestato almeno 11 volte per rapine e altri reati, riporta il New York Post. Due isolati a nord di dove è stato ucciso lo studente italiano, una studentessa di 18 anni, Tessa Majors, ha perso la vita durante una rapina a colpi di coltello, nel dicembre 2019.

Giri Davide Lezione
Davide Giri durante una lezione all’Università. Foto Twitter @ColumbiaSld

Giri, scienziato e volontario

Davide Giri, piemontese, era uno studente e un ricercatore eccellente. Dolore e smarrimento ad Alba (Cuneo), la sua città. Il giovane era molto conosciuto, anche perché aveva fatto volontariato nelle parrocchie di Santa Margherita e Mussotto, riporta la Gazzetta d’Alba. Giri aveva studiato ingegneria al Politecnico di Torino, dove si era laureato con il massimo dei voti e gli onori, poi si era specializzato in elettronica alla Tongji University di Shangai in Cina. Aveva conseguito un master in ingegneria elettronica al Politecnico e uno alla University of Illinois, Chicago. Stava frequentando la Columbia University di New York da 5 anni. Lì svolgeva il ruolo di assistente, per approfondire gli studi di filosofia e design applicate alle scienze. Viveva nel campus dell’università newyorkese, al Computer Science Building. Un luogo poco distante da dove è stato accoltellato.

Columbia, il comunicato su Giri

Questa notizia è allo stesso tempo inspiegabilmente triste e profondamente sconvolgente, ed è avvenuta a pochi passi dal campus” ha detto il presidente della Columbia University, Lee Bollinger, in un comunicato rivolto agli studenti. “L’Università è in contatto con la polizia di New York per apprendere maggiori dettagli sull’aggressione. Naturalmente, vi terremo aggiornati” ha dichiarato. “Questi – ha aggiunto Bollinger – sono momenti in cui essere comunità è davvero importante. Per questo vi incoraggio a incontrarvi, a vedervi l’uno con l’altro, gli altri hanno bisogno di voi, come voi degli altri. Contate sul sostegno dell’Università“.

LEGGI ANCHE: Violenza contro le donne, braccialetto agli stalker. E l’Onu condanna le molestie digitali

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button