Primo pianoSport

Tennis, Ons Jabeur: la prima tennista araba in top-10

E' ottava al mondo. Un'atleta che non gioca solo a tennis, ma scrive la storia del suo paese e delle donne

A volte lo sport segna la storia di un paese e in qualche caso anche di “genere“. E’ il caso di Ons Jabeur: tennista tunisina classe 1994. Ieri ha scritto una pagina nella storia sportiva del suo paese (nemmeno nessun uomo tunisino ci era mai riuscito!) e di tutto il mondo arabo: la prima ad entrare nella top-10 nel ranking WTA (Women’s Tennis Association). Una notizia e allo stesso tempo un segnale importante in un momento in cui le donne arabe in Afghanistan, e non solo, stanno vivendo tutt’altro che una fase emancipativa della condizione storica di genere. Ricordiamo che sono passati solo alcuni mesi dal divieto, tra i tanti, imposti alle donne afghane di praticare sport. Come dalla notizia dell’intera Nazionale di calcio di quel paese rifugiatasi in Pakistan con le famiglie per sfuggire alle persecuzioni.

Ons Jabeur nella classifica WTA

E’ schizzata dal posto n.14 al n.8 del ranking WTA Ons Jabeur. Già con la posizione precedente aveva eguagliato il miglior piazzamento – appunto n.14 della classifica – del marocchino Younes El Aynaoui nel 2003 e nel 2004. Nel tennis non nascondiamocelo fa tutta la differenza del mondo. Prestigio, storia, ed anche evitare primi incontri scomodi nei tornei importanti con il bye che ti fa saltare un turno. Il balzo sancito ieri con la pubblicazione aggiornata delle classifiche femminili – come avviene tutti i lunedì anche per la ATP (corrispettivo maschile che raccoglie il circuito professionistico) – contenenti i punti corrispettivi ai risultati dei tornei giocati dai tennisti la settimana precedente.

La giocatrice tunisina grazie all’accesso alla semifinale di Indian Wells, poi persa contro Paula Badosa che ha vinto il torneo Mille del deserto americano. Nel post qui sotto ringrazia il pubblico che l’ha sostenuta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ons Jabeur أنس جابر (@onsjabeur)

Già nelle dichiarazioni post partita dopo la vittoria contro Anett Kontaveit aveva detto ai cronisti: “Questo è un sogno che si avvera. Questo è qualcosa che desideravo. Ho sempre voluto arrivarci, essere la numero 1 al mondo. La Top 10, lo so, è l’inizio. So che questo posto mi spetta da molto tempo. Ma voglio dimostrare che merito di essere qui, merito di essere uno dei primi dieci giocatori. Ci sono molte cose che devo migliorare“.
Resta invariata la top-3 Wta – Ashleigh Barty, Aryna Sabalenka, Karolina Pliskova – mentre la prima tra le italiane è Camila Giorgi, 36/a, che ha guadagnato due posizioni, seguita da Jasmine Paolini (54/a), salita di nove.

LEGGI ANCHE: Pechino 2022, Accensione della fiaccola per i Giochi Invernali con protesta pro-Tibet

Angela Oliva

Direttore Responsabile
Pugliese di nascita, muove le sue prime esperienze giornalistiche tra Palio, Sport e Cronaca bianca a Siena durante il periodo universitario divenendo pubblicista subito dopo la laurea con lode in Scienze della Comunicazione. Con il trasferimento a Roma inizia il praticantato che la porterà a diventare professionista nel 2008. Si è occupata di gambling, dipendenze, politica estera (ha una seconda laurea sempre con lode in Scienze internazionali e diplomatiche), ippica, economia. Ha collaborato con giornali, TV (Telenorba), l'agenzia di stampa nazionale Il Velino-AGVNews e con diverse realtà specializzate. Diverse le esperienze in agenzie come account ed advisor del settore bancario, di associazioni di categoria, di comunicazione pubblica, turismo, trasporti, cybersecurity, compliance & risk management, telecomunicazioni, 5G e di gaming.
In parallelo si è occupata di Comunicazione strategica e Marketing come manager in azienda - trasferendosi a Rimini - assumendo spesso anche la responsabilità delle Relazioni esterne. Ha approfondito, con due diversi master, anche i temi della Corporate Social Responsibilty e della Sostenibilità.

Back to top button