News

Covid, allarme terapie intensive in 14 regioni. Veneto e Marche “promosse” in zona arancione

Scende il livello dell'indice Rt del contagio ma i ricoveri sono ancora tanti

Il valore dell’indice Rt nazionale, che la scorsa settimana era a 1,08, scende ora a 0,98, sotto la soglia d’allarme di 1. Ma non è il momento di abbassare la guardia. Anzi. La pandemia di Covid continua a correre e in 14 regioni le terapie intensive sono sopra la soglia critica. Questi i dati dell’Istituto superiore di sanità nel monitoraggio settimanale della Cabina di regia, oggi 2 aprile.

Ricoveri in terapia intensiva al 41%

Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento e sopra la soglia critica del 30%. È adesso pari al 41% contro il 39% della scorsa settimana. L’incidenza dei contagi da coronavirus si attesta invece a 232 casi ogni 100mila abitanti contro i 240 della scorsa settimana.

Malati, vittime e ricoverati: le cifre

Sono 23.649 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia il 1 aprile, e 501 sono le vittime. I tamponi effettuati nelle 24 ore precedenti sono stati 356.085 (molecolari e antigenici). Il tasso di positività è del 6,6%, in calo dello 0,2% rispetto al giorno precedente. Sono 3.681 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 29 meno del 31 marzo, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione, secondo i dati del ministero della Salute, sono 244. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.949 persone, in calo di 231 unità.

Colori delle regioni

I dati, che Iss e ministero della Salute stanno esaminando, dovrebbero portare dalla prossima settimana al cambio di colore di alcune Regioni. In base alle anticipazione delle agenzie di stampa, Veneto, Marche e la provincia autonoma di Trento vanno verso l’arancione. La Campania invece resta “rossa”. Sarebbero smentite, dunque, le ipotesi di un possibile cambio di colore per Napoli e tutto il territorio regionale.

Rischio epidemico

Complessivamente il rischio epidemico si mantiene a livelli elevati con sei regioni (Calabria, Emilia-Romagna, Liguria, Puglia, Toscana e Veneto) che hanno un livello di rischio alto. Tredici regioni hanno una classificazione di rischio moderato (di cui sette ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane). Una regione (Basilicata) e una Provincia Autonoma (Bolzano) hanno una classificazione di rischio basso.

Obbligo di mascherina per i bambini

Il Consiglio di Stato ha intanto confermato l’obbligo di mascherina a scuola anche per i bambini di meno di 12 anni. Così i magistrati hanno respinto l’istanza cautelare di un gruppo di genitori i cui figli non avevano alcun problema di salute e non soffrivano di problemi respiratori.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button