NewsPoliticaPrimo piano

Draghi: “Mettere l’Italia in sicurezza”. Dai vaccini alla scuola, tutti i dossier del governo. Usa: Trump assolto dall’Impeachment

Mercoledì 17 febbraio la fiducia in Senato, giovedì poi alla Camera

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è al lavoro con i ministri sui dossier urgentissimi del nuovo governo. Dopo il giuramento e il primo Cdm, ieri 13 febbraio, la squadra del nuovo premier esamina il Recovery, il problema della scuola in presenza, la campagna vaccinale anti Covid a cui imprimere una forte accelerata. Nelle stesse ore dagli Stati Uniti giunge la notizia dell’assoluzione di Donald Trump in Senato dalla accuse di impeachment.

Il primo Consiglio dei ministri

Nella prima riunione dell’esecutivo, ieri 13 febbraio, il premier Draghi ha fatto un appello ai ministri. “Lavoriamo insieme per far ripartire Paese – ha dichiarato -. Veniamo da storie e esperienze diverse, uniti per fase difficile”. Superare l’emergenza sanitaria, con un’accelerazione della campagna di vaccinazione, e intanto dare fondamenta solide, con il Recovery plan, a una ripresa economica che si annuncia “lenta”. Poi la scuola da far ripartire in sicurezza e al più presto. Sono le missioni del governo guidato da Mario Draghi, in un momento “difficile” per il Paese. Nel discorso sulla fiducia alle Camere il presidente del Consiglio traccerà la via, indicando le sue priorità.

Cosa dirà Draghi alle Camere

Chi ha avuto modo di parlargli negli ultimi giorni prevede che lo farà, come nel suo stile, con un discorso dalle linee essenziali, breve e senza fronzoli. Ogni singola parola sarà pesata nell’intervento programmatico che Draghi avrebbe già iniziato a impostare. E dovrebbe essere molto concreto, sui punti cardine dell’azione dell’esecutivo e nel segno del dialogo con il Parlamento. L’europeismo sarà, come già anticipato nelle consultazioni ai partiti, il primo tratto fondante del governo. Nell’Unione europea Draghi si prepara a far valere il suo peso nella direzione di una maggiore integrazione, a partire dalla politica di bilancio, con la spinta a Eurobond permanenti, dopo l’esperimento di Next Generation Eu. In politica estera, l’atlantismo è il faro.

Il Senato Usa assolve Trump

Nelle stesse ore in cui è nato il nuovo governo italiano, il Senato degli Stati Uniti ha assolto Donald Trump anche nel secondo processo d’impeachment. Come è noto, Trump era accusato di istigazione all’assalto del Congresso, quando i sostenitori dell’ex presidente invasero letteralmente il tempio della democrazia rappresentativa americana a Capitol Hill di Washington, lo scorso 6 gennaio. A favore della condanna 57 voti, di cui sette repubblicani. I no sono stati 43. Per la condanna erano necessari 67 voti, ossia i due terzi dei 100 senatori. Con l’assoluzione nel secondo processo d’impeachment, è finita una “caccia alle streghe”, ha chiosato Donald Trump. Dopo aver votato per l’assoluzione, il leader dei senatori repubblicano Mitch McConnell ha comunque ribadito la sua condanna contro l’ex presidente, definendolo “praticamente e moralmente responsabile” per l’attacco al Capitol.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button