News

Violento maltempo: il Panaro rompe gli argini, autostrada e ferrovia interrotte al Brennero

L'ondata di alluvioni e neve colpisce il Modenese, il Veneto e l'Alto Adige

La Protezione civile ha diramato l’allerta rossa per il maltempo su molte zone d’Italia. Domenica 6 dicembre è già una giornata molto pesante. L’allerta rossa vale per alcuni settori di Veneto, Friuli Venezia Giulia e sulla provincia autonoma di Bolzano. Allerta arancione sui restanti bacini del Friuli Venezia Giulia, su gran parte di Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, sulla Provincia Autonoma di Trento, in Umbria, Abruzzo, Campania, Molise, Puglia, Calabria e Sicilia.

Famiglie evacuate

Il fiume Panaro è esondato nel Modenese per il forte maltempo che sta colpendo tutta Italia. Al mattino del 6 dicembre erano in atto evacuazioni di abitanti nella zona tra Gaggio e Nonantola a causa della rottura dell’argine del fiume. I vigili del fuoco hanno inviato sezioni operative da Toscana e Piemonte. Il Panaro ha rotto una parte di argine nella zona tra Gaggio, frazione del Comune di Castelfranco Emilia e Nonantola. Sono state predisposte a Castelfranco Emilia tre strutture dedicate all’accoglienza degli sfollati: il PalaReggiani, la Palestra delle Scuole Guinizelli e la Palestra delle Scuole Rosse. Chiuso un tratto della ferrovia tra Castelfranco Emilia e Modena, e alcune strade. La piena del Panaro ha provocato il cedimento di una pila del ponte Samone, chiuso in via precauzionale, a Pavullo nel Frignano.

Bloccato il Brennero

Il forte maltempo blocca anche la ferrovia del Brennero tra Bolzano e il confine di Stato per motivi di sicurezza. L’Austria dal versante italiano non è raggiungibile perché è interrotta anche la corsia nord dell’autostrada A22 tra Vipiteno e Brennero. Interrotta anche la strada statale 12 in entrambe le direzioni tra Colle Isarco e Brennero. Interrotte per motivi di sicurezza anche le ferrovie della Val Pusteria (Valdaora – Lienz in Austria) e della Val Venosta su tutto il tratto tra Merano e Malles. Sono stati istituiti servizi sostitutivi con autobus.
La statale del Brennero è interrotta anche tra Fortezza e Mules, a Egna e tra S.Pietro Mezzomonte e Ziggler. Sospesa anche la circolazione sulla statale della Alemagna tra Dobbiaco e Cortina. Risultano chiuse la statale di Passo Lavazé sul versante altoatesino, la statale della val Sarentino. Bloccato l’accesso alla val Badia.

Alto Adige isolato da forti nevicate

Tutti i passi e numerose strade provinciali sono interrotte. Non sono raggiungibili il Brennero, la val Ridanna e Racines, Luson e Funes. Sono bloccate la val Sarentino a Ponticino, Maso Corto in val Senales, la val Martello da Ganda, come anche Solda, Trafoi, Riva di Tures, Acereto, Casere e Predoi. Altre valli laterali non sono raggiungibili. Black out a causa di alberi caduti sotto il peso dell’eccezionale nevicata vengono segnalati dalla val Martello e – a macchia di leopardo – da varie altre zone dell’Alto Adige. È interrotta la linea tra il Bellunese e la val Pusteria, che attualmente regge grazie a un sistema d’emergenza con centrali locali.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button