MondoNewsPrimo piano

Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti: “Onorato che gli americani mi abbiano scelto”

Kamala Harris è la prima donna vicepresidente della storia degli Usa

AGGIORNAMENTO 8 novembre – Joe Biden, il presidente eletto degli Stati Uniti, ha scelto il Chase Center di Wilmington per il suo discorso della vittoria: “La gente di questo Paese ha parlato, abbiamo ottenuto una vittoria convincente”. “Non ci sono stati blu o stati rossi, ci sono solo gli Stati Uniti”. “Sarò un presidente che unisce e non un presidente che divide. Torniamo ad ascoltarci, siamo tutti americani”: è il messaggio di riconciliazione nazionale lanciato da Biden. “Non importa per chi avete votato. Io e Joe Biden saremo leali, onesti e sempre pronti ad avere cura di tutti voi e delle vostre famiglie”: è il messaggio lanciato da Kamala Harris dopo una delle campagne elettorali più divisive della storia americane. “Sono la prima donna vicepresidente ma non sarò l’ultima. Questo è un paese delle opportunità“, ha detto. E rivolgendosi alla bambine: “Sognate con ambizioni” ha affermato Harris.

 

Joe Biden conquista la Pennsylvania: è il 46mo presidente degli Stati Uniti, secondo le proiezioni di Cnn. Joe Biden è presidente eletto anche secondo l’Associated Press e Nbc. Kamala Harris entra nella storia: è la prima vicepresidente donna che gli Usa abbiano mai avuto. Biden dunque conquista le tormentatissime elezioni presidenziali 2020. Ma Trump non concede la vittoria.

Il messaggio al mondo

“Il lavoro davanti a noi sarà difficile ma vi prometto questo: sarò il presidente di tutti gli americani”, ha twittato Biden. “Sono onorato che gli americani mi abbiano scelto come loro presidente” ha dichiarato sui social. Da New York a Washington esplode l’entusiasmo in strada per la vittoria di Biden. I clacson a tutto spiano festeggiano il 46mo presidente americano fra le grida di gioia dei passanti sui marciapiedi. Joe Biden e Kamala Harris sono il ticket alla presidenza che ha incassato più voti nella storia americana. Mentre lo scrutinio è ancora in corso, Biden e Harris hanno ottenuto già quasi 75 milioni di voti. “La vittoria di Biden è una bella notizia”. Così il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, apprendendo che è stata ufficializzata la vittoria di Joe Biden nelle elezioni Usa.

Kamala Harris, nuova vicepresidente degli Usa

Trump non concede la vittoria

Donald Trump non ci sta e accusa ancora una volta via Twitter: “Decine di migliaia di voti illegali sono stati ricevuti dopo le ore 20 dell’Election Day, cambiando i risultati in Pennsylvania e in altri Stati”. A chi era chiamato a monitorare i voti non è stato consentito di farlo per decine di migliaia di schede. “Questo potrebbe cambiare il risultato in molti Stati, inclusa la Pennsylvania, che tutti pensavamo fosse stata vinta facilmente per poi vedere il vantaggio sparire senza poter monitorare per lunghi intervalli temporali cosa stava accadendo” nei seggi. “Non c’è alcuna prova che ci siano stati brogli” o “voti illegali” alle elezioni americane. Questa la replica di Ellen Weintraub, componente della Commissione elettorale federale, alla Cnn. Weintraub ha parlato di “pochissime denunce” di eventuali scorrettezze, ma nessuna di queste suffragata da prove.

Trump non riconosce la vittoria di Biden e si prepara allo scontro legale

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button