Coronavirus

Coronavirus, trapiantati i polmoni a un 18enne: intervento da record a Milano

Un ragazzo di appena 18 anni è stato al centro di un complesso intervento chirurgico che lo ha risollevato da condizioni disperate. A causa del coronavirus, infatti, il giovane aveva “bruciati” entrambi i polmoni. I medici glieli hanno trapiantati.

L’intervento chirurgico, il primo del genere in Europa, è stato eseguito dai medici del Policlinico di Milano. A coordinarli, il Centro nazionale trapianti, con il Centro regionale trapianti e il Nord Italia transplant program.

Francesco, questo il nome del ragazzo, inizia ad avere la febbre il 2 marzo, riporta online l’Ansa. Il 6 marzo viene ricoverato in terapia intensiva all’Ospedale San Raffaele di Milano. Due giorni dopo viene intubato e il 23 marzo viene collegato alla macchina Ecmo per la circolazione extracorporea.

Ma ormai i suoi polmoni sono compromessi irrimediabilmente. A metà aprile i medici del San Raffaele, confrontandosi con quelli del Policlinico, decidono di tentare di donargli polmoni nuovi. Una cosa mai provata finora, se non in pochi rari casi in Cina. I medici pianificano così la strategia e si mette in moto anche il Centro nazionale trapianti.

I sanitari inseriscono il ragazzo in lista d’attesa urgente il 30 aprile. Meno di due settimane fa la svolta decisiva. Si individua un organo idoneo, donato da una persona morta in un’altra regione italiana e negativa al coronavirus. Di qui poi l’intervento chirurgico risolutivo.

Gli ospedali italiani vedono adesso aumentati i posti letto in terapia intensiva

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button