CoronavirusPrimo piano

Coronavirus, il nuovo decreto: tutte le misure regione per regione

Un passo dopo l’altro l’Italia sta affrontando l’epidemia del nuovo coronavirus. Fino a domenica 8 marzo valgono le regole stabilite in un nuovo decreto del governo. Alla zona rossa e alla zona gialla si aggiungono misure per tutto il territorio nazionale.

La zona rossa

Si tratta dei seguenti territori. In Lombardia i comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini. In Veneto il comune di Vò Euganeo. Le misure di contenimento del virus prevedono il divieto di allontanamento. Ma anche il divieto di accesso, la sospensione di manifestazioni e iniziative, la chiusura delle scuole.

Uffici, negozi, imprese

Scatta inoltre la sospensione dei viaggi d’istruzione, la chiusura dei musei e degli altri istituti culturali. La sospensione dell’attività dei pubblici uffici (salvo per i servizi essenziali). Il blocco delle procedure concorsuali, la chiusura di tutte le attività commerciali ad esclusione di quelle di pubblica utilità. Lo stop dei servizi di trasporto, la sospensione delle attività delle imprese ad esclusione di quelle che erogano servizi essenziali.

La zona gialla

Si tratta dell’Emilia Romagna, la Lombardia, il Veneto, le province di Pesaro e Urbino, Savona. In questi territori sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive, le trasferte dei tifosi. Il decreto però consente lo svolgimento delle competizioni a porte chiuse. Sospese le manifestazioni di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso. Vale a dire: cinema, teatri, discoteche etc..

Chiese, scuole, musei

L’apertura dei luoghi di culto sarà condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone. Le scuole di ogni e grado resteranno chiuse. I musei saranno aperti a condizione che assicurino modalità di fruizione contingentata. I concorsi pubblici sono sospesi. Bar e ristoranti potranno espletare i servizi a condizione di servire solo clienti con il posto a sedere e gli avventori dovranno restare a un metro di distanza.

Bergamo, Lodi, Piacenza

Ci sarà una limitazione dell’accesso dei visitatori alle strutture di degenza. Sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico. Nelle province di Bergamo, Lodi, Piacenza e Cremona è prevista la chiusura nel fine settimana dei grandi centri commerciali. In Lombardia e nella provincia di Piacenza resteranno chiuse palestre, centri sportivi e termali. Gli uffici giudiziari potranno avere un orario ridotto.

Su tutto il territorio nazionale

Si affiggeranno misure di prevenzione in ogni scuola di ordine e grado. Si metteranno a disposizione di tutti negli edifici della pubblica amministrazione soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani. Lo stesso avverrà nei locali aperti al pubblico. I sindaci promuoveranno la diffusione delle informazioni nei locali commerciali. Le aziende di trasporto pubblico adotteranno interventi straordinari per la sanificazione. Nelle procedure concorsuali saranno adottate misure per ridurre i contatti tra i candidati. Chi a partire dal 14 febbraio sia tornato dalla Cina o dalla zona rossa italiana deve fornire comunicazione alla propria Asl. Vengono agevolate forme di telelavoro. Tutti i viaggi di istruzione sono sospesi fino al 15 marzo.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button