MondoNews

“Downtown Abbey cerca maggiordomo come Mr. Carson”, l’annuncio su Facebook

Un annuncio su Facebook di quelli che non ti aspetteresti. Il prestigioso castello in cui è ambientata la serie tv “Downtown Abbey” cerca un maggiordomo che sia all’altezza di Mr. Carson.

Di proprietà dei conti di Carnarvon, la tenuta di Highclere, nella contea inglese dello Hampshire, ha pubblicato su Facebook l’annuncio di lavoro. “Per avere successo in questo ruolo sono fondamentali un atteggiamento positivo, la cura dei dettagli, una buona presentazione personale – recita il post -. Occorrono forti capacità comunicative e organizzative. Servono flessibilità e capacità di lavorare in gruppo”.

“I candidati devono inoltre avere eccellenti capacità di servizio al cliente, parlare fluentemente inglese e amare lavorare con la gente”, si legge ancora. Il castello della serie Downtown Abbey, con 300 stanze, nel corso della Prima Guerra Mondiale venne adibito a ospedale. Per poi ospitare durante il Secondo conflitto bellico diversi sfollati. Quando nel 1922 il quinto conte di Carnarvon scoprì insieme ad Howard Carter la tomba del faraone Tutankhamon fece installare nella tenuta una mostra egizia per ricordare l’impresa.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button