MondoNewsPrimo piano

Australia, un giovane escursionista italiano è morto sulle Blue Mountains

AGGIORNAMENTO ORE 9:51 – Il corpo senza vita di Mattia Fiaschini è stato rinvenuto nel Blackheath, vicino al Baltzer Lookout, un punto panoramico celebre della Blue Mountains. Lo ha comunicato la New South Wales Police Force.

Un giovane connazionale, Mattia Fiaschini, 24 anni, di Cesenatico (Forlì-Cesena), risulta disperso in Australia. Da mercoledì scorso 29 gennaio di lui non si hanno più notizie.

Fiaschini si era messo in viaggio per raggiungere le Blue Mountains: una catena montuosa a ovest di Sydney. Il giovane vive e lavora proprio a Sydney da un anno, come barman e cameriere. È considerato un esperto di escursioni con alle spalle anche scalate importanti a livello internazionale.

È residente a Cesenatico dove abita la sua famiglia. Secondo quanto spiega la polizia australiana, mercoledì scorso il ragazzo avrebbe iniziato un viaggio da solo per raggiungere le Blue Mountains. Da allora non si hanno più sue notizie.

Quando poi il giorno dopo, giovedì 30 gennaio, non si è presentato al lavoro è scattato l’allarme. Le ricerche sono attive da un paio di giorni. Nella zona dove si presume possa essersi smarrito non c’è ricezione cellulare. Il padre è partito per Sydney per seguire da vicino le ricerche.

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button