LifestylePrimo piano

Sabrina Persechino, la collezione 2020 ispirata alle città romane [ESCLUSIVA]

Le percussioni e la musica dal vivo del maestro Stefano Rossini aprono la sfilata di Sabrina Persechino all’ex Caserma Guido Reni, venerdì 24 gennaio 2020, in occasione della kermesse di AltaRoma. Va in scena, infatti, la nuova collezione primavera/estate 2020 ispirata alle antiche città romane. L’architetto/designer si lascia suggestionare dalla distribuzione geometrica degli spazi e dalle loro proporzioni, nel disegnare una couture lineare e geometrica, che rispecchia fedelmente lo stile che la caratterizza.

 

Sabrina Persechino architetto e designer

 

Una donna con molte anime. Sabrina Persechino non è solo un’affermata e talentuosa designer, ma in primis anche un architetto di successo. Le collezioni della stilista sono caratterizzate ed intrise da sempre di elementi di design architettonici. Le creazioni dell’Atelier Sabrina Persechino sono una combinazione di tessuti ed elementi in uso in fabbriche, artigianato e dipinti, unite a collezioni ispirate ad artisti e architetti contemporanei. Tutto ciò viene rappresentato in linee fluide e dinamiche. Lo stile Persechino è fondato da un know-how solido e di classe tipico del Made in Italy. Non a caso la stilista afferma:

“Il mio obiettivo è quello di creare collezioni di Alta Moda, in cui sia evidente l’interconnessione tra moda, arte e architettura”.

Tellenae il tema della sfilata della Persechino

 

Tellenae è una città romana il cui sito non è ancora stato identificato. Il mistero ed il fascino del sito romano hanno affascinato Sabrina Persechino nella ricerca di elementi per la progettazione della nuova collezione estiva 2020.

La distribuzione degli spazi, tipica delle città romane, generalmente a forma di quadrato o rettangolo suddiviso, ha sedotto la designer. La Persechino traspone proprio la suddivisione in quadrangoli uniformi, che divengono il filo conduttore della collezione. Ma anche le lavorazioni del ferro, risalente all’epoca di fondazione di Tellenae.

 

Lo stile lineare e simmetrico della Persechino

 

Outfit rigorosamente lineari e geometrici, come sempre di forte impronta architettonica, ma di estrema eleganza e sensualità. Incedono in passerella immancabili capispalla e tute, oltre che abiti da cocktail e da grande soirée. Sabrina Persechino sperimenta l’utilizzo di nuove trame e orditi disegnati con programmi di grafica vettoriale e incisi con il laser che richiamano “pizzi contemporanei”. Impiega poi la stessa tecnica per la creazione di maglie metalliche in acciaio e rame che sono state successivamente impreziosite da sete e fibbie bronzee.

 

Le sarte della maison affiancate dai fabbri per la lavorazione degli abiti

 

Eleganti donne guerriere che indossano con fierezza e raffinatezza stendardi e vessilli della legione di appartenenza. Ma anche soldatesse protette da armature e da elmi emulati dalle fibbie inserite sugli abiti e nei capelli. Per questa collezione, infatti, le sarte dell’atelier Persechino sono state affiancate in laboratorio da fabbri e carpentieri. Le maestranze sono state prese in prestito dai cantieri di Sabrina Persechino Architetto.

Anche qui, come nelle collezioni precedenti, sono evidenti le contaminazioni del design e dell’architettura, parte integrante della doppia attività parallela della stilista.

 

Celeste, rosa, bianco e nero i colori della collezione

 

La palette dei colori si ispira agli intonaci dell’antica Roma, sbiaditi e romantici. Appare così il cilestrino, il colore del cielo verso occidente poco prima del tramonto, e il rosa quarzo che origina dal purpureo scialbato. Immancabili il bianco e il nero. Il feel rouge della collezione è costituito dai bronzei, virati talvolta verso l’oro, talvolta verso il rame. Nell’uscita finale Anna Konovalova, guerriera e sposa per eccellenza, emoziona il pubblico con la sua voce potente, incedendo in passerella con un bouquet che assomiglia ad una sottile spada.

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button