MusicaPrimo piano

Hans Zimmer in Italia nel 2021 per due date a Bologna e Assago

Saranno due le date che vedranno Hans Florian Zimmer tornare insieme alla sua orchestra in Italia nel 2021: il 17 marzo all’Unipol Arena di Bologna e il 18 marzo al Mediolanum Forum di Assago (Milano). Il noto compositore tedesco torna nella penisola dopo diversi anni di assenza; l’ultimo tour europeo lo aveva visto far tappa in Italia a giugno 2017.

Oltre ad aver vinto l’Oscar per la Migliore Colonna Sonora nel 1995 con Il re leone, la carriera di Zimmer può vantare numerosi altri premi: due Golden Globes, il primo di nuovo per Il re leone, il secondo per la Miglior Colonna Sonora per Il Gladiatore (2001), quattro Grammy Awards e tre Brit Awards, diverse candidature all’Oscar per le colonne sonore di Rain Man (1988), Qualcosa è cambiato (1997), La sottile linea rossa (1998), Il principe d’Egitto (1998), Inception (2010) e Sherlock Holmes (2010).

Nel 2003, l’American Society of Composers, Authors and Publishers gli ha conferito il Lifetime Achievement, premio dedicato ai risultati raggiunti durante la sua carriera. Nel 2010 il suo nome è stato inserito all’interno della Hollywood Walk of Fame arrivando ad ottenere la propria stella.

Zimmer è considerato uno dei più grandi compositori del nostro secolo ed i suoi lavori non si limitano al mondo del cinema.

Nel 2014 ha infatti composto e firmato l’inno ufficiale del festival di musica elettronica Tomorrowland e nel 2018 insieme a Lorne Balfe – compositore e produttore scozzese con il quale aveva già collaborato in diverse occasioni, tra le quali la composizione della colonna sonora di Inception – ha composto il tema per FIFA, dal titolo Living Football, per i mondiali di calcio Russia 2018.

Non è estraneo al mondo dei videogiochi, nel 2013 ha infatti composto la colonna sonora di Beyond: Due anime, pubblicato dalla Sony Computer Entertainment per PlayStation 3 e PlayStation 4. Si sospetta finiranno presto le prevendite per le due date in Italia; intanto i più appassionati ripassano la lunga produzione del compositore, i trentasei anni di grandi colonne sonore e tutte le prestigiose collaborazioni di uno dei più grandi compositori al mondo.

Back to top button