LifestylePrimo piano

Pellicce ecologiche: il capo su cui puntare questo inverno

Sono lontani i tempi in cui le signore bene amavano sfoggiare i visoni alle prime teatrali o per le passeggiate lungo il corso. Ermellini, zibellini, volpi, cincillà e chi più ne ha più ne metta erano esibiti con sfarzo ed grande ostentazione. La pelliccia veniva tramandata di madre in figlia e comprata anche dalle famiglie meno benestanti in occasione di eventi speciali. Da diversi anni ormai la pelliccia vera è un capo fuori moda. La maggior parte degli stilisti ha preso delle posizioni nette al riguardo, abolendo il capo in tutte le collezioni e proponendo in alternativa le più economiche versioni ecologiche.

I brand che hanno detto no alle pellicce vere

L’ultima casa di moda a dire addio alle pellicce è stata Prada. Prima del colosso mondiale guidato da Patrizio Bertelli e da Miuccia Prada anche Gucci, Jean Paul Gaultier, Versace, Galliano, Armani, Ralph Lauren, Michael Kors, Vivienne Westwood, Renzo Rosso, Hugo Boss, Calvin Klein e Stella McCartney avevano già vietato la pelliccia dalle loro collezioni. Una presa di posizione importante che testimonia un’attenzione forte verso la salvaguardia degli animali.

L’osservazione della LAV

Questa tendenza “segna il definitivo tramonto di un’industria ormai al tracollo”, osserva la Lav (Associazione Animalista Italiana) riportando i dati dell’Associazione Italiana Pellicceria: -50% nel 2018 (800 milioni di euro) rispetto al 2006 (1,6 miliardi di euro).

Le vip contro le pellicce

Pamela Anderson combatte da anni contro i maltrattamenti degli animali. L’attrice ha persino scritto a nome della Peta USA, (People for the Ethical Treatment of Animals), l’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali di cui è testimonial, una lettera a Miuccia Prada per chiedere di cessare a utilizzare le pellicce nelle loro collezioni.

 

Anche l’italiana Elisabetta Canalis, ormai trasferitasi in America, ha prestato la sua immagine alla Peta e da anni si batte a tutela degli animali. Molto spesso viene infatti fotografata con i suoi amati cagnolini.

 

Alternative su cui puntare: i capi faux fur

La moda mette in passerella tantissime alternative ecologiche, ben realizzate. Abbiamo selezionato per voi le pellicce ecologiche su cui puntare per la prossima stagione 2019/2020, un vero must have del prossimo inverno. Gucci propone una versione arancio a cappotto sotto al ginocchio comoda e avvolgente. Un colore pop ed energico che non vi deluderà.

LuiJo propone invece una versione in azzurro polvere, molto delicata, da indossare perfettamente con un abitino elegante per un cocktail o per una serata.

Luisa Spagnoli presenta una giacca corta maculata con colletto marrone. Semplice da indossare e perfetta per andare al lavoro.

Non ci sono scuse perché, per essere alla moda e trendy, si può comunque avere uno sguardo e un’attenzione verso il mondo degli animali.

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button