NewsPrimo piano

Ospedale, il ticket sanitario cambia ancora: ecco chi e quanto paga

Ticket sanitari, si va verso una svolta. Il governo giallorosso a maggioranza M5S-Pd-LeU vuole modificare regole e normativa. Il neo ministro della Salute, Roberto Speranza (LeU), ha annunciato una prima bozza del disegno di legge sul riordino della materia dei ticket.

Il costo di questi sarà stabilito in base al costo delle prestazioni e del “reddito familiare equivalente”. Vale a dire del reddito prodotto dal “nucleo familiare fiscale rapportato alla numerosità del nucleo familiare”. In soldoni: paga di più chi guadagna di più.

Lo dice chiaro e tondo lo stesso Speranza: “Chi ha di più deve pagare di più, chi ha di meno deve pagare di meno”. E in un video su Facebook illustra le decisioni dell’ultimo Consiglio dei ministri. “Abbiamo deciso di collegare alla Finanziaria un ddl di riordino della materia dei ticket – ha detto -. Si tratta della modalità di compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria. Lo faremo con un criterio di progressività”. Inoltre sarà eliminato il tanto contestato super-ticket sulle prestazioni specialistiche e ambulatoriali.

La rivoluzione che il governo Conte Bis si prepara a varare riguarda anche un aumento di 2 miliardi di euro per il Fondo sanitario nazionale nel 2020 rispetto al 2019. “Di fronte a un ticket sanitario non conta quanti soldi hai – dice Speranza – e non conta se sei un miliardario o una persona in difficoltà economica. Al di là delle soglie di esenzione, si paga sempre la stessa cosa. Io credo che su questo si possa intervenire con un principio molto semplice: chi ha di più deve pagare di più”.

Un cambiamento che, secondo il ministro della Salute, guarda all’articolo 32 della Costituzione. Là dove si afferma che la salute è un diritto fondamentale dell’individuo e un interesse della collettività. Quanto al super-ticket, per Roberto Speranza è “un balzello di 10 euro che purtroppo non consente a troppi cittadini di accedere al Servizio sanitario. Al Consiglio dei ministri abbiamo scritto per la prima volta che il super-ticket è sbagliato. Produce diseguaglianze e quindi ci impegniamo a superarlo”.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza (LeU)

Photo credits: Twitter

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button