Primo pianoShowbizStorie e Personaggi

Cane cammina per 200 km nel ghiaccio: il motivo è straziante [FOTO]

Una storia triste e commovente, dal finale inaspettato. Un cane cammina per 200 km nel ghiaccio, il motivo di questa faticosa traversata è straziante. Si tratta di una femmina di Bullmastiff che ha percorso un tragitto lunghissimo, in una foresta siberiana. Il terreno scosceso e a tratti gelato, in un luogo noto per essere pieno di orsi e lupi. Questo l’estenuante cammino della cagnolina che voleva tornare dalla sua proprietaria.

Ma il motivo risulta agghiacciante. Il cane infatti si trovava così distante dalla sua proprietaria, perché la donna l’aveva rifiutata. Allergica ai cani, la proprietaria, o meglio l’ex, di Maru (questo il nome della piccola Bullmastiff), aveva deciso di mettere la sua cagnolina su un treno della linea Trans-Siberiana per farla tornare al canile nel quale era nata.

Il cammino estenuante del povero cane

Una decisione crudele che ha come protagonista un povero cane di appena un anno. Sola e indifesa, ad un certo punto della tratta, Maru è scappata dal treno mentre il mezzo ha fatto tappa alla stazione di Achinsk. I testimoni dell’accaduto, raccontano: “Maru, dopo aver avuto un attacco di panico ed essere stata male per la mancanza della proprietaria, ha aperto la porta con le zampe ed è saltata giù”. Lo staff che lavorava sul treno ha provato a cercarla ma senza successo, e una donna, Alla Morozova, la fondatrice del canile nel quale era diretta, ha organizzato dei gruppi di ricerca e ha usato tutti i social per riuscire ad avere sue notizie. (Continua dopo la foto)

Photo Credits Facebook (Maru, sana e salva dopo il ritrovamento)

Il ritrovamento di Maru

Ci sono voluti quasi tre giorni, per riuscire a rintracciare il giovane cane scomparso. Maru è stata ritrovata, esausta e ferita, vicino ad una zona industriale a pochi metri dalla casa della proprietaria che l’aveva abbandonata e che non aveva nemmeno partecipato alle ricerche della sua (ex) cagnolina. Con un’intellingenza smisurata, la piccola Maru aveva seguito la linea dei binari e aveva camminato per 125 miglia (200 chilometri) nella foresta. Alla Morozova, dopo il ritrovamento del povero cane, ha dichiarato: “Secondo me sarebbe riuscita a tornare a casa, ma per via delle ferite si era un po’ persa ed era molto stanca”. Messa in salvo e curata oggi la cagnolina si trova nel rifugio dove è venuta al mondo. La Morozova, aggiunge: “Ha ritrovato la sua mamma e il suo papà, che vivono ancora qui nel canile. A oggi non sono ancora state prese decisioni riguardo al suo futuro”. Ma è certo che tutti sperano che Maru, possa trovare un destino migliore di quello che le è capitato fino ad ora.

LEGGI ANCHE: Lamenti strazianti dal bagagliaio di un auto: la scoperta agghiacciante [FOTO]

Francesca Perrone

  • Cultura, Ambiente & Pets

    Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
    Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Back to top button