Primo pianoShowbiz

Fedez, bloccato post su Instagram: “Fa pubblicità senza avvertire”

Un post su Instagram di Fedez è finito nel mirino del Giurì di autodisciplina pubblicitaria: un video del cantante è stato bloccato perché privo di un’indicazione chiara sulla natura pubblicitaria del contenuto, come ad esempio l’hashtag #advertising. Nel dispositivo del Giurì, però, si fa riferimento solo a una nota casa automobilistica. L’artista, invece, non viene menzionato. Ecco tutti i dettagli sulla vicenda…

Un video di Fedez su Instagram è stato bloccato perché considerato non a norma con le regole della pubblicità sui social network. Nel post, secondo la pronuncia del Giurì di autodisciplina pubblicitaria, mancava un’indicazione chiara sulla natura pubblicitaria del contenuto, come ad esempio l’hashtag #advertising.

Il Giurì di autodisciplina pubblicitaria, nel suo dispositivo, non fa riferimento a Fedez ma solo a una nota casa automobilistica. ‘TgCom’ riporta il contenuto del video finito nel mirino del Giurì, con le parole pronunciate dal cantante e giudice di X Factor nel filmato: “Mi stanno presentando tutte le nuove auto che stanno uscendo e adesso ve le faccio vedere tutte, una ad una. Vedi, tu vieni agli Internazionali di tennis, ti chiudi nella macchina in esposizione e metti il massaggiatore del sedile e sei a posto”.

Quella del Giurì di autodisciplina pubblicitaria è una pronuncia destinata a far ‘scuola’ nella regolamentazione dei contenuti pubblicitari all’interno dei social network, sempre più dominati dalle figure degli influencer. Fedez, su Instagram, ha 5,8 milioni di followers che lo seguono. La compagna, Chiara Ferragni, ne ha invece ben 13,3 milioni. Nelle ultime ore, l’attività del cantante sul suo profilo Instagram ufficiale è proseguita come di consueto, tra stories con il figlio Leone e la futura moglie Chiara Ferragni, video in studio con il produttore Michele Canova e sul palco assieme a Martin Garrix, da dove ha urlato al microfono il tormentone social “130 Martin Garrix, si volaaa!”.

Photo credits: Facebook

Back to top button