Primo pianoShowbiz

Tiangong-1, la stazione cinese sta per cadere dallo spazio

Tiangong-1, la stazione spaziale cinese lanciata in orbita nel 2011, sta pericolosamente tornando indietro verso il pianete Terra: ecco quando è previsto il suo arrivo e quali rischi si corrono.

Sembra incredibile eppure Tiangong-1, la stazione spaziale cinese spedita nello spazio nel 2011, sta pericolosamente tornando indietro per cadere sul pianeta Terra. In queste poche ore che rimangono prima dell’impatto gli esperti stanno cercando di calcolare la traittoria che la stazione potrebbe prendere in modo da capire dove si schianterà e soprattutto come evitare una catastrofe.

Una cosa del genere non era mai successa prima ma nel caso di Tiangong-1 non c’è modo di evitarlo: di solito queste navette vengono controllate e poi fatte atterrare in un’area circoscritta dove i rischi sono praticamente azzerati. La stazione cinese ha però subito un danno circa due anni fa e per questo è fuori controllo: non esiste un modo per indirizzarla né tantomeno uno per evitare che precipiti sulla Terra. Nel momento in cui Tiangong-1 comincerà a cadere si disintegrerà per gran parte a contatto con l’atmosfera ma alcuni frammenti potrebbero resistere e poi cadere letteralmente dal cielo.

Nonostante il rischio, le probabilità che un essere umano venga colpito da un frammento della navicella sono infinitamente basse ma, per eliminare ogni rischio del tutto, gli esperti stanno cercando di circoscrivere le ore in cui questo possa succedere: per il momento si è arrivati a definire un orario di 36 ore che vanno dal pomeriggio del 31 marzo alla sera del 1 aprile. Massima allerta quindi per la giornata di Pasqua quando è previsto l’arrivo della navicella spaziale. Per quanto riguarda l’area in cui si verificherà la caduta, questa non è stata ancora identificata e sarà molto difficile definirla con certezza: tuttavia una volta che Tiangong-1 comincerà il suo viaggio a ritroso si potrà escludere man mano le zone dove la navicella sicuramente non arriverà.

Photo Credits Facebook

Back to top button