FoodPrimo piano

A Natale arriva il “Decalogo per il cappuccino perfetto”

L'iniziativa è promossa da Latte Sano con il suo Arte Team

Con le feste di Natale Latte Sano ha pensato ad un’iniziativa originale dedicata alla preparazione del cappuccino. Ma non si tratta di una bevanda qualunque, ma bensì di dieci regole per creare quello perfetto. Il Decalogo per il cappuccino perfetto si propone come obiettivo quello di far conoscere le caratteristiche organolettiche degli ingredienti base come latte e caffè.

Proprio nei giorni di festa è possibile concedersi qualche ora in più per gustare un cappuccino e rilassarsi con la famiglia. Il Decalogo per il cappuccino perfetto è pensato proprio per essere una guida a Natale, ma ovviamente non solo. Lo scopo dell’iniziativa promossa da Latte Sano è quello di rendere note le caratteristiche organolettiche di ingredienti fondamentali e basilari come latte e caffè per la preparazione del prodotto lattiero-caseario. L’idea è, dunque, di accompagnare ad un buon panettone (magari artigianale) anche una bevanda fatta come si deve, per una colazione perfetta.

Decalogo cappuccino perfetto iniziativa Latte Sano
Il Decalogo per il cappuccino perfetto, l’iniziativa di Latte Sano @Crediti Bortolan&Carnevali – VelvetMag

Il cappuccino perfetto

Il Decalogo per il cappuccino perfetto. Come prepararlo, accreditato come il primo del settore e articolato in 10 regole, è promosso da Ariete Fattoria Latte Sano, prima centrale del latte fresco in Italia. Il progetto si inserisce nel contesto dell’iniziativa Latte Sano Art Team con il coinvolgimento di influencer e professionisti del settore, per dare visibilità ai prodotti lattiero-caseari e momenti di formazione ben precisi. La prima presentazione del Decalogo è avvenuta a Roma presso la pasticceria D’Antoni, attività e laboratorio artigianale premiata più volte per i suoi fantastici lievitati e vincitrice, nel 2020, della seconda edizione di Panettone Maximo. Sarà proprio il panettone della pasticceria romana che accompagnerà il cappuccino perfetto. A proporre le regole per il prodotto lattiero-caseario Fabiano Bucci e Luca Lasalandra, influencer e professionisti del settore, docenti e formatori oltre che examiner per il Lags (sistema di certificazione del Latte Art Grading System).

Come punto di partenza è necessario sapere che il cappuccino perfetto si definisce dal suo colore. La tazza bianca, con il bordo tendente al marrone che sembra dare il nome alla bevanda. Cappuccino, infatti, è un riferimento alle tonache dei frati cappuccini. Volendo seguire le regole per creare un cappuccino perfetto è importante che il caffè espresso sia preparato nel migliore dei modi. I parametri prevedono che la bevanda sia estratta con 25-30 ml di caffè in tazza, in un tempo che varia tra i 20-35 secondi, con la pressione della macchina tra gli 8-11 bar ed il purge (lo spurgo dell’acqua) eseguito ad ogni erogazione. La seconda regola riguarda il latte che deve essere sempre fresco e di alta qualità. La proteina del latte è quella che agevola la schiuma, i grassi invece riducono la stabilità. Dunque, per un cappuccino perfetto le due sostanze dovrebbero essere bilanciate.

Panettone al cioccolato della pasticceria D'Antoni
Panettone al cioccolato della pasticceria D’Antoni @Crediti Bortolan&Carnevali – VelvetMag

Le altre regole del Decalogo

Il latte poi non deve rimanere mai fuori dal frigo: questa è la terza regola. Anche la lattiera ha la sua funzione specifica è deve essere di acciaio inox 18/10 dalla forma tronco conica con beccuccio. La quinta regola prevede poi di non riscaldare il latte più volte o di aggiungere latte freddo a quello avanzato. Fondamentale è anche la montatura del latte. Questa si divide in due fasi: la prima serve a far inglobare l’aria mentre la seconda a creare il vortice per aumentare la temperatura del latte e ridurre le macro bolle che si formano nella prima fase. La lancia deve essere sempre spurgata, prima e dopo la montata, e pulita con una pezza dedicata ogni volta che si termina una preparazione. Tutto questo permette la creazione di una schiuma lucida e setosa senza la presenza di bolle. Inoltre la temperatura del cappuccino deve mantenersi tra i 55/60°C. Questa temperatura permette che lo zucchero contenuto nel latte esprima al meglio la sua dolcezza. Superando la temperatura la bevanda diventa amara.

Nella preparazione di due cappuccini è poi fondamentale sporzionare il latte in due lattiere. Nel dettaglio è necessario togliere la prima parte di schiuma e preparare il primo cappuccino, poi rincorporare la parte del latte tolta con quella rimasta e preparare il secondo cappuccino. Solo in questo modo avremo due cappuccini uguali, saltando questo passaggio il primo sarà più schiumoso del secondo. Per un cappuccino perfetto è fondamentale anche l’aspetto estetico. La tecnica Latte Art oltre a rendere la bevanda omogenea nel gusto la rende anche molto bella da vedere. E infine, aspetto non meno importate è quello di curare la mise en place. Il cappuccino come l’espresso va sempre apparecchiato con il piattino. Il cucchiaino va posizionato alla destra del cliente con il manico rivolto verso di lui, così come il manico della tazza. E come conclude la nota stampa ufficiale dedicata all’iniziativa: “La mise en place va sempre curata, perché sono sempre i dettagli a fare la differenza“.

Cappuccino realizzato con la tecnica Latte Art
Cappuccino decorato realizzato con la tecnica Latte Art @Crediti Bortolan&Carnevali – VelvetMag

Francesca Perrone

  • Cultura, Ambiente & Pets

    Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
    Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Back to top button