MondoNewsPrimo piano

Iran, condanna a morte per chi protesta. La Ue vara le sanzioni

Un primo caso di pena capitale si sarebbe già verificato, la repressione della repubblica islamica diventa sempre più feroce

A due mesi dalla morte della giovane Mahsa Amini per mano della polizia, in Iran le proteste continuano a infiammare il paese. Sono centinaia i morti, fra cui decine di minorenni, e migliaia gli arrestati. La repressione si inasprisce: da ora in poi chi protesterà rischierà la condanna a morte.

Nella capitale dell’Iran un tribunale ha condannato a morte uno delle migliaia di arrestati per il coinvolgimento nelle proteste degli ultimi due mesi contro la morte di Mahsa Amini e contro il regime iraniano. Si tratterebbe del primo caso, al quale molti altri potrebbero seguire. Mizan, il sito di notizie della magistratura iraniana, ha specificato che questa persona, di cui al momento non è nota l’identità, ha ricevuto la condanna capitale per una serie di reati, fra cui uno dei più gravi: ovvero quello di aver diffuso corruzione e declino morale ed essere “nemica di Dio.

Foto Twitter @MarianoGiustino

Ciò è avvenuto domenica 13 novembre. Il giorno dopo, ossia il 14 novembre, l’Unione europea ha varato un nuovo pacchetto di sanzioni contro Teheran. “Ho parlato con il ministro iraniano di questo, dell’accordo sul nucleare, del sostegno militare alla Russia che deve essere fermato” ha dichiarato l’Alto rappresentante della Ue per la politica estera comune, Josep Borrell. È stato lo stesso Borrell ad annunciare le sanzioni europee a Teheran, parlando con i cronisti prima del Consiglio Affari Esteri a Bruxelles. Eventuali contromisure da parte dell’Iran “sono parte del gioco”, ha aggiunto il dirigente europeo.

L’Iran: “Sanzioni? Carte bruciate

La replica dell’Iran è giunta a stretto giro. “Consigliamo agli Stati europei di evitare di utilizzare i diritti umani come strumento e agire nel quadro della diplomazia. Poiché le sanzioni sono carte bruciate, che non funzionano in questo paese.” Si tratta di affermazioni del portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanani. L’Iran ha inoltre inviato documenti ad alcuni paesi stranieri su presunti coinvolgimenti dei loro cittadini arrestati nel corso delle proteste contro il regime degli ayatollah. Manifestazioni, sit-in, e scontri con la polizia che vanno avanti da dopo la morte di Mahsa Amini lo scorso 16 settembre. La ragazza, 22 anni, era stata arrestata per “abbigliamento improprio” ha detto Nasser Kanani. È morta mentre era agli arresti e si sospetta che sia stata uccisa dalla polizia.

Una ragazza colpita a morte dalle forze di sicurezza nella città di Rasht il 10 novembre. Foto Twitter @MarianoGiustino

Si sono intraprese azioni giudiziarie contro questi paesi e i loro cittadini per aver trasformato le proteste in violenza ha detto Kanani. “L’Iran monitora le dichiarazioni e il comportamento dei cittadini stranieri, nonché di alcuni paesi. E anche la loro interferenza, che ha inflitto perdite alla nazione.” L’Iran ha arrestato all’inizio di ottobre 9 cittadini stranieri, tra cui l’italiana Alessia Piperno e altri provenienti da Francia, Germania, Paesi Bassi e Polonia. L’accusa? Avere un ruolo nelle proteste. Alessia Piperno, romana, 30 anni, è stata rilasciata ed è tornata in Italia 4 giorni fa, il 10 novembre.

Proteste ai Mondiali in Qatar?

Ma le manifestazioni contro il regime della Guida Suprema, ayatollah Ali Khamenei, sono ormai dilagate in varie zone dell’Iran. E dopo le donne, i giovani e gli studenti universitari e delle scuole si sta mobilitando anche il mondo dello sport. Domenica prossima 20 novembre cominciano i Mondiali di calcio in Qatar e la nazionale di Teheran vi parteciperà. Fra gli atleti che si sono espressi a favore delle proteste dopo la morte di Mahsa Amini c’è anche il fantasista 27enne Sardar Azmoun tra i convocati dell’Iran. Azmoun, che gioca nel club tedesco del Bayer Leverkusen, ha pubblicato diversi messaggi di sostegno sui social per le proteste in Iran. Il suo account Instagram ha 5 milioni di follower. Gli attivisti hanno invitato i tifosi che assisteranno alle partite dell’Iran ai Mondiali a scandire il nome di Mahsa Amini.

Sardar Azmoun, a sinistra, in azione per il Bayer Leverkusen. Foto Ansa/Epa Ronald WitteK

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button