Healthy & BeautyPrimo piano

Giornata mondiale per la consapevolezza dello stress: come riconoscerlo e gestirlo

Lo accusano 9 italiani su 10: i consigli utili e spunti per aiutare tutte le famiglie

Lo stress si presenta in molteplici forme, per diversi motivi, e non esclude nessuno. Ne soffrono nove italiani su dieci, una malattia vera e propria che colpisce sia adulti che bambini e non sempre si riesce a riconoscere in tempo le cause per capire come affrontarla. Oggi, 7 novembre 2022, in occasione della Giornata Mondiale dello Stress si mette in luce questa problematica di grande attualità.

Per questo motivo, Parentsmile, la prima piattaforma europea per il supporto e il benessere a domicilio di tutta la famiglia, in occasione di questo giorno speciale, offre consigli utili per tutte le famiglie, grazie alla collaborazione con la psicologa Giada Alberti.

Giornata Mondiale dello stress: l’emotività al centro

Ognuno di noi di fronte a un evento stressante di qualsiasi natura, in un primo momento attiva delle reazioni: fisiologiche, emotive, cognitive e comportamentali e in un secondo, nella maggior parte dei casi, riesce a ristabilire il proprio equilibrio. La psicologa, a riguardo, commenta: “Siamo nel caso della risposta acuta da stress che non porta allo sviluppo di una patologia connessa al trauma, ma risulta essere una reazione normale e fisiologica a circostanze complesse e/o imprevedibili e non persiste per più di un mese”. Questo si può riconoscere a partire dalle reazioni emotive che possono essere tristezza, incapacità a godersi momenti piacevoli e gioiosi, nervosismo e incapacità a tollerare e gestire le frustrazioni.

“C’è da fare una distinzione tra disturbo acuto da stress e il disturbo dell’adattamento, in quest’ultimo infatti l’individuo riesce ad adattarsi all’ambiente e non sono presenti sintomi invalidanti. Nel caso del disturbo acuto da stress, invece, l’individuo si affatica maggiormente e mette a dura prova la capacità di essere resilienti” sottolinea la Dottoressa Alberti.

I segnali da non sottovalutare

I segnali del disturbo di adattamento coinvolgono sia aspetti della vita quotidiana su un piano personale come l’insonnia, somatizzazioni e talvolta lo sviluppo di malattie, sia aspetti relazionali ed emotivi come l’aumento dell’irritabilità, dell’aggressività, senso di distacco e distanza con le persone care con le relative ricadute cognitive, emozionali e comportamentali. I fattori da stress sono di varia natura, ma nei paesi maggiormente sviluppati dal punto di vista tecnologico ed economico tendenzialmente sono: i soldi, il lavoro e le responsabilità familiari.

Tecniche per gestire e ridurre i livelli di stress in famiglia

In qualità di genitore ci sono alcuni comportamenti che l’adulto può mettere in campo per sostenere bambini e adolescenti che sperimentano questo disagio. A riguardo l’esperta consiglia di: “Non banalizzare le preoccupazioni dei piccoli e adolescenti validando ciascuna emozione provata con il fine di far sentire il proprio figlio compreso e non giudicato”. In aggiunta, l’esperta propone di adottare tre tecniche che possono essere d’aiuto. Cogliere i segnali di disagio in base anche allo specifico momento di vita che il figlio sta vivendo.

Costruire insieme al figlio piccolo con la fantasia, ma anche nella realtà, un luogo sicuro dove può sentirsi protetto e, di conseguenza, abbassare i livelli di stress, ansia, preoccupazione. Se è un luogo fisico si consiglia di adibirlo per fare attività piacevoli e rilassanti come colorare, leggere, riposare, etc. Mantenere una routine giornaliera stabile e rassicurante.

Giornata Mondiale dello stress: l’importanza del controllo

Questi sono piccoli suggerimenti che ricordano a tutte le famiglie l’importanza di un supporto e confronto con specialisti qualificati e per questo Parentsmile le affianca offrendo la possibilità di fissare, in pochi secondi e con veloci clic sul sito, una visita a domicilio o un videoconsulto con un professionista specializzato. E’ possibile prenotare, in tempo reale e con conferma immediata, non solo una consulenza con psicologo/psicoterapeuta, ma anche con logopedisti, terapisti della neuro-psicomotricità, puericultrici, nutrizionisti, pedagogisti, baby sitter, educatrici, personal trainer e servizi di ostetriche. I servizi sono di tipo medico, formativo-educativo fino ad arrivare a quelli di tipo assistenziale e per il fitness. Una volta selezionati lo specialista e il servizio, il genitore è libero di scegliere il giorno e l’ora, compresi anche i weekend e le ore serali, e la modalità della visita in base alle proprie preferenze e richieste.

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button