NewsPrimo piano

Brasile a Lula, vittoria di un soffio: tramonta l’era Bolsonaro

Ma il Paese è spaccato in due e il nuovo presidente prevale col 51% dei voti contro il 49% dell'avversario

Il leader della sinistra brasiliana, Luiz Inácio Lula da Silva, ha vinto le elezioni presidenziali in Brasile per la terza volta dopo il 2002 e il 2006. “Ha vinto il popolo brasiliano, ha vinto la democrazia” ha detto Lula. “Per avversario non avevo un candidato ma l’intera macchina dello Stato.”

Al voto nel secondo turno di ballottaggio, il 30 ottobre, i brasiliani hanno premiato il capo storico del Partido dos Trabalhadores (Pt), il partito dei lavoratori. Lula ha sconfitto il capo dello Stato uscente, Jair Bolsonaro (Pl, destra), il primo presidente che ha fallito nel suo tentativo di rielezione.

Lula durante il discorso della vittoria. Foto Ansa/Epa Sebastiao Moreira

Adesso il capo della sinistra brasiliana potrà governare per 4 anni. Ha battuto il suo avversario di poco: 60 milioni di voti contro 58 milioni, parti al 50,9% contro il 49,1%. Al termine degli scrutini, felicità e tristezza sono scoppiate in tutto il Brasile. Caroselli di auto e moto, grida dalle finestre degli appartamenti, suoni di clacson e bandiere al vento riempiono le strade delle principali città. Da una parte i sostenitori di Lula, l’ex sindacalista vittorioso, in lacrime di gioia, dall’altra il silenzio di delusione dei sostenitori Bolsonaro.

Lula, previsioni confermate

In una nazione spaccata a metà, le elezioni più polarizzate della storia del Brasile si riflettono negli umori dei suoi cittadini, divisi da opposte tifoserie come in una finale della nazionale di calcio. A Rio de Janeiro, la seconda metropoli più grande del gigante sudamericano, gli elettori in festa si sono riversati sulla spiaggia, inondando con la loro allegria il quartiere di Copacabana. Mentre anche dalle ‘favelas’ sui morros (colline) sono partiti fuochi di artificio a illuminare il cielo.

Foto Ansa/Epa Sebastiao Moreira

Partito in vantaggio, come confermato dall’ultimo sondaggio di Datafolha che nella serata della vigilia elettorale lo dava al 52% delle preferenze contro il 48% dell’avversario, Lula ha saputo dare nuova speranza al Paese. È letteralmente risorto dalle ceneri della Lava Jato, l’inchiesta Mani pulite brasiliana che lo aveva travolto facendolo finire in carcere, con accuse di corruzione che poi si sono rivelate fasulle. Negli ultimi due mesi spesi a convincere i brasiliani battendo le piazze del paese da nord a sud, l’operaio diventato presidente non ha perso occasione per chiedere di far prevalere un modello progressista per il Paese.

Gli obiettivi del leader

Ovvero per riportarlo nell’orbita delle relazioni internazionali. “Ora è più isolato di Cuba” ha detto Lula rivolto a Bolsonaro durante il dibattito televisivo alla vigilia del voto. Il neo presidente vuole riaccendere l’attenzione sugli indigenti: “Ci sono 33 milioni di cittadini che soffrono la fame” ha affermato. Vuole inoltre arrestare lo sterminio degli indigeni e lo smantellamento delle foreste dell’Amazzonia. Ci riuscirà? Difficile fare pronostici perché il Brasile è spaccato a metà come una mela. Di qua gli elettori di Lula, il vincitore; di là gli elettori di Bolsonaro che rappresenta tutto ciò che c’è di più antitetico a Lula. Adesso il nuovo presidente dovrà saper riconciliare una nazione divisa. Non sarà facile.

Elettrici pro-Bolsonaro. Foto Ansa/Epa Andre Coelho

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button