NewsPoliticaPrimo piano

Scontro fra Italia e Francia, Meloni: “Non prendiamo lezioni di democrazia”

La ministra Laurence Boone ha affermato che Parigi vigilerà "sul rispetto di diritti e libertà" nel nostro Paese, data la vittoria di FdI alle elezioni

Bufera diplomatica tra Italia e Francia, o meglio, fra la premier in pectore Giorgia Meloni e la ministra francese per gli Affari europei, Laurence Boone.

Vogliamo lavorare con Roma, ma vigileremo sul rispetto di diritti e libertà” ha dichiarato Boone in un’intervista a Repubblica. La nuova ministra per gli Affari europei del governo francese ha affermato, inoltre, che “è importante che il Governo Meloni resti nel fronte europeo contro Mosca e in favore delle sanzioni“. “Rispetteremo la scelta democratica degli italiani” ha detto ancora.

Giorgia Meloni. Foto Ansa/Giuseppe Lami

L’Europa deve rimanere unita, in particolare nell’affrontare la guerra che la Russia ha dichiarato in Ucraina, con le sanzioni che abbiamo adottato. Su questo punto, Meloni ha espresso chiaramente il suo sostegno a ciò che l’Europa sta facendo. Dopodiché è chiaro che abbiamo delle divergenze. Saremo molto attenti al rispetto dei valori e delle regole dello Stato di diritto. L’Ue ha già dimostrato di essere vigile nei confronti di altri Paesi come l’Ungheria e la Polonia“.

La Francia è inoltre favorevole all’inserimento del diritto all’aborto nella Carta dei diritti umani dell’Ue. “Abbiamo bisogno dell’unanimità, quindi – sottolinea la ministra francese Boone – dobbiamo riuscire a convincere tutti i Paesi. Dobbiamo portare una voce per la salvaguardia dei diritti delle donne, delle minoranze sessuali e di tutte le minoranze in generale. Quando vediamo quello che è successo negli Usa, capiamo che dobbiamo rimanere estremamente vigili“.

La ministra francese degli Affari europei, Laurence Boone. Foto Ansa/Epa Yoan Valat

Meloni: “Inaccettabile ingerenza

Replica la leader di FdI, Giorgia Meloni, con un post su Facebbok. “Leggo su ‘La Repubblica’ che il ministro francese Laurence Boone avrebbe detto: ‘Vogliamo lavorare con Roma ma vigileremo su rispetto diritti e libertà’ e ‘saremo molto attenti al rispetto dei valori e delle regole dello Stato di diritto’. Voglio sperare che la stampa di sinistra abbia travisato le dichiarazioni fatte da esponenti di governo stranieri e confido che il Governo francese smentisca queste parole, che somigliano troppo a una inaccettabile minaccia di ingerenza contro uno Stato sovrano, membro dell’Ue. L’era dei governi a guida PD che chiedono tutela all’estero è finita“.

La controreplica della Francia

Da fonti del gabinetto della ministra francese per gli Affari europei, Laurence Boone, trapela una controreplica che vorrebbe essere rassicurante per Giorgia Meloni. “La presentazione in questa intervista della relazione che intendiamo avere con l’Italia semplifica eccessivamente il pensiero del ministro. Come ha detto, la Francia rispetta ovviamente la scelta democratica degli italiani. Il ministro, che è vicino all’Italia, vuole portare avanti il lavoro di cooperazione e desidera dialogare con il futuro esecutivo il prima possibile“. “Il ministro – concludono – non intende dare lezioni a nessuno“.

Una riunione del Governo francese a Palazzo Matignon, Parigi. Foto Ansa/Epa Christophe Petit Tesson

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button