Primo pianoTV

The Last of Us, i creatori ragionano già sulle prossime stagioni

La serie TV ispirata all'omonimo videogioco arriverà su Sky a metà gennaio e gli autori hanno già un'idea sugli obiettivi futuri

Prima ancora del debutto ufficiale sui piccoli schermi, gli autori di The Last of Us hanno puntualizzato di aver già ragionato sulle prossime stagioni e sul gran finale della serie TV.

Dopo il successo di The Witcher, era soltanto questione di tempo prima che un’altra serie TV estrapolata da un’amatissimo videogioco arrivasse in televisione. Il nuovo esperimento si intitola The Last of Us ed è l’adattamento dell’omonimo videogioco amatissimo sul web. Protagonista di questa nuova avventura distribuita in Italia da Sky è Pedro Pascal, nome ben noto ai telespettatori che l’hanno seguito dapprima in Game of Thrones, poi in Narcos e The Mandalorian.

The Last of Us prossime stagioni
The Last of Us. Crediti: HBO/Sky – VelvetMag

A dividere la scena con Pedro Pascal è una giovane scoperta dell’intrattenimento, Bella Ramsey. La trama è ambientata in un futuro distopico dove il mondo è stato colpito da una terribile pandemia causata dal Cordyceps. Questo particolare virus trasforma gli esseri umani in mostri simili a Zombie. La storia prende vita a 20 anni dallo scoppio della pandemia. Joel, il protagonista, è un contrabbandiere che ha perso ogni speranza nei confronti dell’umanità. Messo alle strette, Joel è costretto a viaggiare per gli Stati Uniti ma non sarà da solo: al suo fianco ci sarà Ellie, una ragazzina di 14 anni che non ha mai visto il mondo al di fuori della zona di quarantena. La serie è ancora inedita, eppure i creatori hanno già qualche idea per le prossime stagioni.

The Last of Us, i creatori dello show sulle prossime stagioni

Negli Stati Uniti The Last of Us è atteso su HBO, mentre in Italia arriva sui piccoli schermi di Sky e NOW in streaming a partire dal 16 gennaio 2023. Joel ed Ellie sono pronti a conquistare il pubblico. Ma, riflettendo sul futuro, i creatori dello show Neil Druckmann e Craig Mazin hanno già qualche idea in mente per le prossime stagioni. L’obiettivo, come riporta Collider, è approfondire le origini del Cordyceps così come offrire spessore ai personaggi interpretati da Pedro Pascal e Bella Ramsey. Considerando il materiale corposo estrapolato dal videogiochi, gli autori sostengono che una singola stagione non è abbastanza. A detta dei creatori dello show, non bisognerebbe porsi un tetto massimo bensì sfruttare ogni stagione necessaria per raccontare al meglio la storia.

The Last of Us prossime stagioni
The Last of Us. Crediti: HBO/Sky – VelvetMag

Adattare un videogioco così amato è sicuramente una sfida, motivo per cui i due creativi della serie TV hanno spiegato cos’hanno in mente per il futuro di The Last of Us: “Non ho interesse a scrivere uno spettacolo progettato per continuare all’infinito, ma punto ai finali che per me sono tutto. Non riesco a scrivere se non so come va a finire la storia. E poi se lo spettacolo non ha una fine significa che nulla è davvero intenzionale“. A detta dell’autore, la prima stagione ha un inizio, una metà e una fine esattamente come ogni narrazione dovrebbe essere. Ma guardano già al futuro, con un finale in mente. Mazin, l’altro creatore dello show, ha infatti precisato: “Probabilmente la quantità di storia rimanente ci richiederebbe più di una stagione per raccontarla. Ma non la vedo come una storia che continua all’infinito, non abbiamo quell’ambizione“. Ciò significa che, a prescindere dal successo raggiunto, The Last of Us proseguirà fin quando avrà una storia sensata da raccontare in ogni suo singolo aspetto.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button