Healthy & BeautyPrimo piano

Black Panther: Wakanda Forever, i segreti del set svelati dalla hairstylist

Il sequel di "Black Panther" ha salutato Chadwick Boseman, interprete di Pantera Nera e re T'Challa nel primo film

I fan Marvel hanno potuto seguire le nuove avventure proposte in Black Panther: Wakanda Forever. Intanto, dietro le quinte, l’hairstylist Camille Friend ha raccontato qualche aneddoto e spiegato qualche chicca sulla lavorazione dei capelli in questo secondo film.

Black Panther: Wakanda Forever è finalmente arrivato in sala. Il popolo del Wakanda ha salutato il re T’Challa, morto in seguito ad una malattia così com’è accaduto al suo interprete Chadwick Boseman. La pellicola, del resto, è un tributo in suo onore. Ma lato beauty, la hairstylist del set Camille Friend ha raccontato alcuni segreti da dietro le quinte spiegando come hanno lavorato considerata l’assenza di Chadwick Boseman e come ha curato il look dei personaggi wakandiani.

Black Panther: Wakanda Forever
Black Panther: Wakanda Forever

A detta della hairstylist, il primo step è stato capire come lavorare sulla principessa Shuri e la regina Ramonda, quest’ultima interpretata da Angela Bassett. Sorella e madre di T’Challa avrebbero dovuto rasarsi i capelli per lutto, invece l’hairstylist ha scelto semplicemente di accorciarli come segno di rispetto. Mentre Shuri resta ancorata ai capelli scuri, Ramonda propone un pixie cut riccio argentato.

Black Panther: Wakanda Forever, il lavoro beauty dietro le quinte

A differenza loro, Nakia interpretata da Lupita Nyong’o si è trasferita ad Haiti e lì ha vissuto negli ultimi anni. Lato creativo ed estetico, si è scelto di dare a Nakia lunghi capelli dalle sfumature rosso fuoco intrecciati con nodi bantu. A differenza del primo film, il lavoro di Camille Friend ha richiesto più ricerca e premura. “Questa volta sono stati necessari molti fattori per capire il design: volevamo dimostrare il passare del tempo per ogni personaggio“.

Black Panther: Wakanda Forever
Black Panther: Wakanda Forever

A WWD, l’hairstylist ha spiegato che, quando si è unita al cast tecnico del primo film, non avrebbe creduto possibile un tale successo. Che si è poi ripetuto con l’uscita del sequel. Ma sin dall’inizio ha preso decisioni chiave: ad esempio, ha spiegato che non avrebbe mai usato arricciacapelli, ma che avrebbe usato tecniche naturali. L’esperta ha collaborato con alcune realtà come My Black Is Beautiful e Gold Series per lanciare dei prodotti per capelli in limited edition a tema Black Panther, disponibili soltanto negli States presso store come Target e Kroger.

Black Panther: Wakanda Forever
Black Panther: Wakanda Forever

Per Camille Friend è stato fondamentale rendere giustizia alle tradizioni e permettere a chiunque di essere rappresentato da quanto proposto sullo schermo. A tale proposito, l’hairstylist ha precisato di aver preferito il secondo film rispetto al primo. “Voglio che le persone sappiamo e sentano che i nostri capelli sono belli, in ogni modo possibile. Non importa se è tutto naturale o frutto di una parrucca: ciò che conta è quello che fai e come lo fai e che tu sappia di essere bellissima/o”.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button