Primo pianoStorie e Personaggi

Il rimorso di Leonardo DiCaprio: scelse “Titanic” a discapito di un altro film

L'attore oggi è un'icona hollywoodiana ma, per raggiungere quel traguardo, ha dovuto sacrificare alcuni desideri: ad esempio, per recitare in "Titanic" ha dovuto rifiutare un altro film interessante

Cosa ne sarebbe stato di Leonardo DiCaprio senza Titanic? L’attore aveva già diverse esperienze cinematografiche alle spalle, ma ha raggiunto fama incontrastata interpretando Jack Dawson nella pellicola strappalacrime di James Cameron. E se avesse accettato un altro ruolo all’epoca?

Probabilmente Leonardo DiCaprio sarà ormai abituato all’attenzione da parte della cronaca rosa. Il gossip non ne ha mai abbastanza della sua vita sentimentale, soprattutto perché pare abbia un vero e proprio “tipo”. Le sue love story hanno da sempre intrigato fan e tabloid e l’ultima punterebbe i riflettori su una top model amatissima dalle case di alta moda. L’attore starebbe frequentando Gigi Hadid, tra le più famose – e belle – del fashion system e le ultime fotografie immortalate dai paparazzi sembrerebbero confermare questa ipotesi.

Leonardo DiCaprio
Crediti: Ansa

Nel mezzo, però, Leonardo DiCaprio non è soltanto un caminetto di indiscrezioni che riscalda i tabloid internazionali. Il suo talento è quello che l’ha portato avanti fino ad oggi, merito in parte di quella strabiliante performance in Titanic. Chi potrebbe mai dimenticare il suo Jack che, per amore di Rose, si sacrifica sprofondando nelle acque gelate dell’oceano? Titanic è uno dei film drammatici più amati di sempre e, nonostante siano trascorsi 25 anni dall’uscita al cinema, il pubblico non ne ha mai abbastanza. Eppure, per recitare in quel film, Leonardo DiCaprio all’epoca ha dovuto dire di no ad un altro ruolo importante.

Leonardo DiCaprio, innamorato di Titanic, rifiutò un ruolo importante

Tutto ha avuto inizio con Titanic, film iconico diretto da James Cameron che ha permesso all’attore non solo di raggiungere popolarità incontrastata, ma anche di recitare al fianco di Kate Winslet. Entrambi acerbi allora, hanno potuto farsi strada nel tortuoso quanto affascinante mondo di Hollywood. Sono trascorsi 25 anni da allora e Leonardo DiCaprio è uno degli attori più gettonati dello star system (e anche tra i più pagati). Ma il premio Oscar è arrivato dopo diversi tentativi. Tra i film più iconici del suo repertorio non si può non menzionare The Aviator, Nessuna Verità, Shutter Island, Inception, Djando Unchained, Il grande Gatsby e The Wolf of Wall Strett.

Leonardo DiCaprio
Revenant – Redivivo

Tutte grandi performance, ma che non sono bastate ad ottenere l’ambito Academy Award. Ciò è accaduto poco dopo grazie ad Alejandro Gonzalez Inarritu che l’ha diretto in Revenant – Redivivo, un film piuttosto crudo i cui sforzi sono poi valsi un premio Oscar come – finalmente – migliore attore protagonista. Negli ultimi anni Leonardo DiCaprio si è concesso meno film, ma entrambi hanno lasciato il segno: C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, recitato al fianco di Brad Pitt, e Don’t Look Up di Adam McKay, uscito su Netflix con un cast di tutto rispetto.

Leonardo DiCaprio
Titanic

Eppure, come un cerchio che si chiude, tutto porta a Titanic. Se Leonardo DiCaprio non fosse stato scelto per interpretare Jack, oggi dove sarebbe? All’epoca aveva un’altra opzione interessante sul piatto della bilancia che gli è costata profonda indecisione. Oltre a James Cameron, anche Paul Thomas Anderson ha mostrato interesse nei suoi confronti. Il regista l’avrebbe voluto come protagonista di Boogie Nights, film dramedy uscito sempre nel 1997 che racconta la storia di un attore pornografico. Durante un’intervista al podcast Smartless, Anderson ha raccontato cos’è successo in quel periodo: “Ho chiesto a Leonardo di prendere parte a Boogie Nights. Sono seguiti molti mesi agonizzanti a dibattere sulla possibilità. Poi ho realizzato che aveva una scelta da fare: o me o Titanic. Alla fine ha scelto quest’ultimo. E, anche se la scelta l’ha poi catapultato verso la fama mondiale, credo che si sia rammaricato di aver perso l’esperienza“.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button