Primo pianoSerie TvTV

House of the Dragon, le parrucche non convincono: è polemica

Il prequel di "Game of Thrones" spopola ma è polemica sulle acconciature della famiglia Targaryen

House of the Dragon è la serie del momento, ma non per questo esente da critiche. I fan non hanno apprezzato particolarmente alcune delle parrucche scelte per i personaggi.

Da quando House of the Dragon è approdato sui piccoli schermi di HBO (e Sky in Italia), il pubblico ha potuto respirare nuovamente quell’atmosfera di sangue, polvere e fuoco tipica dei Targaryen. Il ritorno a Westeros ha dato i suoi frutti: non a caso, la première ha battuto ogni record diventando la più vista di sempre (ben dieci milioni di telespettatori e soltanto per il primo episodio). Un esordio trionfale e ricco di spunti, che ha spianato la strada e posto basi solide. Eppure c’è chi non ha potuto fare a meno di lanciare una riflessione divenuta ben presto polemica.

House of the Dragon
House of the Dragon

Un occhio attento avrà sicuramente notato un dettaglio ben comune a tutta la famiglia Targaryen: tutti coloro che nascono con sangue di drago hanno solitamente capelli biondo cenere, una caratteristica lanciata da Daenerys in Game of Thrones e rimasta coerente anche nel prequel. Se non fosse che, per alcuni, quel dettaglio si è tramutato in critica e quindi arma.

House of the Dragon, perché le parrucche non piacciono

In Game of Thrones è stato nettamente più semplice gestire il problema perché tutte le parrucche utilizzate da Emilia Clarke si sposavano benissimo con la sua carnagione e con il ruolo di Daeneryes. Non è accaduto lo stesso per alcuni attori di House of the Dragon, come Matt Smith. La sua è in effetti l’acconciatura più criticata fino ad oggi ed è stata disprezzata al punto da penalizzare l’intera performance. Che Matt Smith sia un ottimo attore è un dato di fatto: l’ha dimostrato in Doctor Who e The Crown per menzionare alcuni dei suoi più grandi successi. Allora perché non funziona in House of the Dragon? La colpa, in questo caso, è data soprattutto dall’estetica poco credibile. Nei primi due episodi, l’attore ha cambiato più volte parrucca, ma senza mutare il risultato definitivo.

House of the Dragon
House of the Dragon

E pensare che, in principio, Matt Smitt ha valutato l’idea di rifiutare quel ruolo proprio a causa della parrucca, che ha sempre definito ostile. Anche Paddy Considine, che interpreta il Re Targaryen, avrebbe voluto eliminare la parrucca dal suo personaggio, ma non è stato possibile. Alcuni hanno rimproverato la produzione per aver scelto parrucche economiche, per questo il risultato appare scadente. Ma in un’intervista Paddy Considine ha affermato: “Sono così costose, quella parrucche costano migliaia di sterline“.

House of the Dragon
House of the Dragon

Quella che forse funziona di più è l’acconciatura destinata alla principessa Rhaenyra, figlia di re Viserys I che nella versione giovanile è interpretata da Milly Alcock. La sua estetica ricorda molto quella delicata di Daenerys. In ogni caso è bene precisare che lavorare indossando parrucche non è certamente semplice. Ai tempi anche Emilia Clarke aveva raccontato quanto fosse scomodo ed è un concetto sottolineato anche da Eve Best, che interpreta “La Regina Che Non FuRhaenys Targaryen. A detta dell’attrice, non è semplice entrare ed uscire dal personaggio considerando che bisogna indossare parrucche impegnative.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button