NewsPrimo piano

Attentato a Salman Rushdie, lo scrittore rischia di perdere un occhio

L'assalto a coltellate da parte di un 24enne gli ha inoltre reciso i nervi di un braccio e danneggiato il fegato

Lo scrittore Salman Rushdie è attaccato a un respiratore e rischia di perdere un occhio dopo essere stato accoltellato il 12 agosto a un festival letterario nello Stato di New York.

L’autore dei Versi satanici, da oltre 30 anni sotto la minaccia di morte dell’Iran e dell’estremismo islamico, è stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico dopo il trasporto in elicottero in ospedale. Adesso è un respiratore a tenerlo in vita. Gravi i danni a un braccio e al fegato. La polizia ha arrestato un ragazzo di 24 anni, del New Jersey, Hadi Matar, secondo quanto riporta l’Ansa. Non è chiaro il motivo di un attacco così violento contro Rushdie. Ma gli investigatori pensano alla fatwa – cioè, di fatto, la condanna a morte – che nel 1989 – oltre trent’anni fa – l’ayatollah Khomeini emanò in Iran nei riguardi dell’autore dei Versi satanici. Un libro considerato offensivo e blasfemo per l’Islam. Da allora su Rushdie c’è una taglia di 3 milioni di dollari.

Le notizie non sono buone. Salman è attaccato a un respiratore, in questo momento non è in grado di parlare“, ha fatto sapere l’agente dello scrittore, Andrew Wylie. L’intervento chirurgico è durato diverse ore. L’aggressore ha accoltellato Salman Rushdie al collo e all’addome e la situazione è più grave di quanto sembrasse in un primo momento. “Probabilmente perderà un occhio, i nervi del suo braccio sono recisi. Il suo fegato è ferito e danneggiato“, ha fatto sapere Wylie al New York Times.

Colpi a collo e addome

L’attacco è avvenuto alle 10.45 ora locale (le 16.45 in Italia), poco dopo che Rushdie era salito sul palco del Chautauqua Institution, a un centinaio di chilometri da Buffalo, per tenere una conferenza. L’aggressore 24enne, che secondo il racconto dei testimoni indossava una mascherina nera, si è alzato dalla platea, è saltato sul palco e si è avventato sullo scrittore colpendolo “al collo e almeno una volta all’addome“, secondo la polizia. Colpito anche il moderatore della conferenza, Ralph Henry Reese, che è stato dimesso dall’ospedale qualche ora dopo. “Condanniamo ogni forma di violenza e vogliamo che tutti abbiano la libertà di parlare e scrivere la verità“, ha dichiarato subito dopo l’attacco la governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul. La quale ha elogiato il poliziotto intervenuto subito dopo l’assalto allo scrittore. “Gli ha salvato la vita“, ha detto.

Salman Rushdie caricato sull’elicottero verso l’ospedale. Foto Ansa/Epa @HoratioGates3

Johnson e Macron su Rushdie

Il premier britannico Boris Johnson ha condannato l’attacco. “Inorridito dal fatto che Salman Rushdie sia stato accoltellato mentre esercitava un diritto che non dovremmo mai smettere di difendere“, ha twittato. “In questo momento i miei pensieri sono con i suoi cari. Speriamo tutti che stia bene“. Emmanuel Macron ha assicurato che la Francia “è al fianco di Rushdie“. “La sua lotta è la nostra“, ha scritto su Twitter il presidente francese. Solidarietà all’autore è stata espressa da tutto il mondo letterario e da tanti scrittori.

Emmanuel Macron. Foto Ansa/Epa Akintunde Akinleye

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button