CinemaPrimo piano

Venezia 79, annunciato il programma: da Elodie a Marilyn Monroe, tutti i titoli

A poco più di un mese dall'inizio della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, sono stati ufficializzati i titoli in arrivo al Lido

Si è tenuta oggi la conferenza di presentazione della 79a Mostra del Cinema di Venezia, durante la quale è stato annunciato il programma completo. Tra conferme e sorprese, ecco i titoli che vedremo a Venezia 79.

Si suol dire che i festival sono una finestra aperta sul mondo. Da questa finestra assistiamo a cose che preferiremmo non vedere come la guerra di aggressione contro l’Ucraina o l’incarcerazione di Jafar Panahi, Mohammad Rasoulof e Mostafa Aleahmad». Così Alberto Barbera, Il Direttore della kermesse, ha aperto la conferenza stampa di presentazione di Venezia 79, annunciando i titoli delle diverse sezioni della Mostra. Oltre al già annunciato Noah Baumbach con il suo White Noise, sono diversi i nomi, nostrani e internazionali, che accorreranno al lido nelle giornate comprese tra il 31 agosto e il 10 settembre, accolti da Rocío Muñoz Morales, madrina della 79esima edizione.

Venezia 79
Credits: Elodie/Instagram (a sinistra)

Tra i titoli più attesi, Alberto Barbera è riuscito ad accaparrarsi gli attesissimi Blonde, di Andrew Dominik e incentrato sull’iconica figura di Marilyn Monroe (interpretata da Ana De Armas) e Bones & All, che rinnova la collaborazione tra Luca Guadagnino e Timothée Chalamet. Venezia 79 ha trovato posto anche Elodie con il suo esordio davanti la macchina da presa in Ti mangio il cuore, in concorso nella sezione Orizzonti. Di seguito, ecco il programma della prossima edizione della kermesse.

Venezia 79, la selezione ufficiale: tutti i titoli

Film in concorso

  • White Noise di Noah Baumbach
  • Il Signore delle formiche di Gianni Amelio
  • The Whale di Darren Aronofsky
  • L’immensità di Emanuele Crialese
  • Saint Omer di Alice Diop
  • Blonde di Andrew Dominik
  • Tár di Todd Field
  • Love Life di Kôji Fukada
  • Bardo, False Chronicle of a Handful of Truths di Alejandro G. Inárritu
  • Athena di Romain Gabras
  • Bones and All di Luca Guadagnino
  • The Eternal Daughter di Joanna Hogg
  • Beyond the Wall di Vahid Jalilvand
  • The Banshees of Inisherin di Martin McDonagh
  • Argentina, 1985 di Santiago Mitre
  • Chiara di Susanna Nicchiarelli
  • Monica di Andrea Pallaoro
  • No Bears di Jafar Panahi
  • All the Beauty and the Blooodshed di Laura Poitras
  • A Couple di Frederick Wiseman
  • The Son di Florian Zeller
  • Our Ties di Roschdy Zem
  • Other People’s Children di Rebecca Zlotowski
Ana De Armas in Blonde
Screenshot dal trailer

Fuori concorso

  • The Kingdom Exodus di Lars von Trier (episodi 1-5)
  • Copenhagen Cowboy di Nicolas Winding Refn
  • A guerra finita di Simone Massi (corto)
  • In quanto a noi di Simone Massi (corto)
  • Look at me di Sally Potter (corto)
  • Maid di Lucrecia Martel (corto)
  • Freedom On Fire: Ukraine’s Fight For Freedoom di Evheny Afineevsky
  • The Matchmaker di Benedetta Argentieri
  • Gli Ultimi Giorni dell’Umanità di Enrico Ghezzi e Alessandro Gagliardo
  • A Compassionate Spy di Steve James
  • Music For Black Pigeons di Jorgen Leth e Andreas Koefoed
  • The Kiev Trial di Sergei Loznitsa
  • In Viaggio di Gianfranco Rosi
  • Bobi Wine Ghetto President di Christopher Sharp e Moses Bwayo
  • Nuclear di Oliver Stone
  • The Hanging Sun di Francesco Carrozzini
  • When the Wases Are Gone di Lav Diaz
  • Living di Oliver Hermanus
  • Dead for a Dollar di Walter Hill
  • Call of God di Kim Ki-duk
  • Dreamin’ Wild di Bill Pohlad
  • Master Gardener di Paul Schrader
  • Siccità di Paolo Virzì
  • Pearl di Ti West
  • Don’t Worry Darling di Olivia Wilde

Venezia 79, Orizzonti: il debutto di Elodie sul grande schermo in concorso

  • Princess di Roberto De Paolis
  • Victim di Michal Blaško
  • On the Fringe di Juan Diego Botto
  • Trenque Lauquen di Laura Citarella
  • Vera di Tizza Covi e Rainer Frimmel
  • Innocence di Guy Davidi
  • Blanquita di Fernardo Guzzoni
  • For my Country di Rachid Hami
  • A Man di Kei Ishikawa
  • Bread and Salt di Damian Kocur
  • Luxembourh, Luxembourg di Antonio Lukich
  • Ti mangio il cuore di Pippo Mezzapesa
  • To The North di Mihai Mincan
  • Autobiography di Makbul Mubarak
  • The Sitting Duck di Jean-Paul Salomé
  • World War III di Houman Seyedi
  • The Happiest Man in the World di Teona Strugar Mitevska
  • The Bride di Sérgio Tréfaut
Alberto Barbera
FRAME VENEZIA ore 11.00 Streaming su www.labiennale.org/it e social Biennale di Venezia, presentazione del programma della 79ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica—–Alberto Barbera

Orizzonti Extra

  • Origin of Evil di Sébastian Marnier
  • Hanging Gardens di Ahmed Yassin Al Daradji
  • Amanda di Carolina Cavalli
  • Red Shoes di Carlos Eichelmann Kaiser
  • Nezouh di Soudade Kaadan
  • Notte Fantasma di Fulvio Risuleo
  • Without Her di Arian Vazirdaftari
  • Valeria is Getting Married di Michal Vinik
  • Goliath di Adilkhan Yerzhanov

Venezia classici

  • Teresa la ladra, Carlo Di Palma (1973)
  • Mes petites amoureuses, Jean Eustache (1974)
  • I misteri del giardino di Compton House (The draughtmans’ contract) Peter Greenaway (1982)
  • Il profondo desiderio degli dei (Kamigami no hukaki yokubo), Shonei Imamura (1968)
  • L’orecchio (Ucho), Karel Kachyna (1970)
  • Fratello (Bratan), Bakhtyar Khudojnazarov (1991)
  • Cavalcade, Frank Lloyd (1933)
  • Therese and Isabelle, Radley Metzger (1968)
  • Una gallina nel vento (Kaze no naka no mendori), Yasujiro Ozu (1948)
  • Teorema, Pier Paolo Pasolini (1968)
  • I giocatori di scacchi (Shatranj ke Khilari), Satyajit Ray (1977)
  • Le strane licenze del caporale Dupont (Le caporale Epinglé), Jean Renoir (1962)
  • La marcia su Roma, Dino Risi (1962)
  • La voglia matta, Luciano Salce (1962)
  • La farfalla sul mirino (Koroshi no rakuin), Seijun Suzuki (1967)
  • I conquistatori (Canyon Passage), Jacques Tourneur (1946)
  • The Black Cat, Edgar G. Ulmer (1934)
  • A Confucian Confusion (Duli Shidai), Edward Yang (1994)

Non fiction

  • Ragtag, Giuseppe Boccassini
  • Desperate Souls, Dark City and the Legend of Midnight Cowboy, Nancy Buirski
  • Fragments of Paradise, KD Davison
  • Franco Zeffirelli conformista ribelle, Anselma Dell’Olio
  • Jerry Schatzberg, Portrait Paysage, Pierre Filmon
  • Godard seul le cinéma, Cyril Leuthy
  • The Ghost of Richard Harris, Adrian Sibley
  • Bonnie, Simon Wallon
  • Sergio Leone – l’italiano che inventò l’America, Francesco Zippel

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button