LibriPrimo piano

Daria Bignardi si mette a nudo nel racconto dei “libri che le hanno rovinato la vita”

Il nuovo memoir della scrittrice e conduttrice ferrarese, in passato volto de "Le Invasioni Barbariche" e "L'Assedio", in libreria dall'8 febbraio per Einaudi

Libri che mi hanno rovinato la vita – e altri amori malinconici. Daria Bignardi si presenta in libreria con la sua ultima fatica letteraria che la vede ritratta in una nuova autobiografia, cruda, ironica e costantemente ‘tremante’. Un viaggio introspettivo, intimo in cui la scrittrice si mette a nudo con sincerità, rivelando tutte quelle contraddizioni che parallelamente alla vita si manifestano.

Bignardi

Tutto può salvarci o nello stesso istante dannarci. Ciononostante l’abisso esercita sempre quell’irresistibile forza attrattiva. La conduttrice porta il lettore ad intraprendere un viaggio, il suo. Dolente nella memoria e della sua personale memoria. Parte dalle passioni letterarie che l’hanno formata. Lievemente la scrittrice si confessa – dalle bugie adolescenziali agli amori fatali fino alle malinconie – e lo si capisce subito, sfogliando le prime pagine dell’autobiografia, dalle parole di Virginia Woolf poste in esergo: “Se non vivessimo alla ventura, prendendo il toro per le corna e tremando sui precipizi, non saremmo mai depressi, senza dubbio; ma già saremmo appassiti, vecchi, rassegnati al destino”.

Il filo della storia personale da seguire nei libri di Daria Bignardi

Con Non vi lascerò orfani (2009) edito da Mondadori, Daria Bignardi muove i suoi primi passi in quella che era – ed è tutt’ora – la cerchia di autrici italiane contemporanee “dello scrivere libri dilettevoli” per stile e lingua. La sua prima opera inizia con la morte di sua madre Giannarosa Bianchi. Continua raccontando le vicende della famiglia partendo dall’origine, dalla vita dei suoi bisnonni. E con Libri che mi hanno rovinato la vita – e altri amori malinconici – la conduttrice di origine ferrarese solleva nuovamente il velo della sua vita, in un memoir di formazione, breviario di bellezza che si struttura in 12 capitoli.

“Le situazioni pericolose, tristi, luttuose mi facevano vibrare come se solo nel dramma la vita si mostrasse davvero: nuda, integra, commovente”. Daria Bignardi torna dunque in libreria con un libro che narra l’avventura temeraria di conoscere se stessi attraverso le proprie zone d’ombra. Quei luoghi nascosti, visibili solo ai propri occhi e al proprio sentire, che Emiliano Ponzi è riuscito a rendere tale nella copertina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daria Bignardi (@dariabig)


L’ultima fatica letteraria della scrittrice che oggi, nel giorno di San Valentino compie 61 anni, è vitale, romantico, e come spiega Stefano Sgambati, il libro della conduttrice è ricco e soprattutto sincero, laddove, la pericolosa china della stessa Bignardi porta il lettore a porsi una domanda: perché si continua ad essere così curiosi e attratti dal mondo?.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daria Bignardi (@dariabig)


LEGGI ANCHE: I libri da regalare (e leggere) a San Valentino

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button