Primo pianoSport

Sport e Covid, Aumentano i casi come nel resto del Paese

Non solo il Coronavirus, per la Salernitana niente deroghe per il cambio di proprietà

Dopo l’annuncio a sorpresa dai social dello stesso tennista iberico Rafael Nadal della sua positività, i casi di Covid, come sta accadendo nel resto d’Europa, non risparmiano neppure lo sport italiano. Nell’ultime ore in rapida successione sono emersi tanti casi in diverse discipline. Tra queste la notizia di un focolaio nel mondo del basket, con l’Olimpia Milano, posta in quarantena. Rinviate le sfide in calendario con lo Zalgiris e la Virtus Bologna, per quelli che al momento risulterebbero almeno cinque casi, tra cui quattro giocatori, dopo i controlli successivi all’incontro di giovedì in Coppa con il Real Madrid.

I casi di Covid nello sport: focus Calcio

Poi i casi nel calcio, nonostante si rincorra un dato – non ancora confermato dalla FIGC – del 92% circa di giocatori vaccinati con due dosi. La prima grana Covid si conferma in casa Lazio, con il verdetto della positività di Ciro Immobile. Il bomber biancoceleste è risultato positivo dopo aver saltato, a causa della quarantena preventiva per essere entrato in contatto con un positivo, l’ultimo match contro il Genoa.

Stessa sorte per il compagno d’attacco in Nazionale, Lorenzo Insigne. Anche il capitano del Napoli, per un problema al polpaccio aveva saltato le ultime gare con Atalanta e Milan, e sfruttato lo stop per fare il booster del vaccino. Ma non è bastato, è risultato positivo al Coronavirus.

Il resto della squadra, su richiesta della Asl di competenza, ha effettuato un nuovo giro di tamponi molecolari che ha dato esito negativo.

Il Covid e non solo nella Salernitana

Non i primi casi di questa quarta ondata. Dopo il rinvio di Benevento-Monza in Serie B per le positività emerse nella squadra brianzola, ci sono stati poi i casi della sospensione del match tra Lecce e Vicenza, sempre nel campionato cadetto, mentre nella massima serie la gara di Udine per il potenziale focolaio di Salerno.
Ricordiamo che per gli atleti i non vaccinati vale come per l’accesso ai luoghi di lavoro sulla base dell’esito di un tampone antigenico (nelle precedenti 48 ore) o molecolare (entro 72). Il vecchio green pass. In caso di positività, sono previsti test per tutti anche sulla base delle indicazioni delle Asl. Come visto nel caso Napoli.

Proprio ieri poi, il Consiglio Federale straordinario della Figc ha valutato negativamente la possibilità di prolungare la scadenza del prossimo 31 dicembre, entro la quale la Salernitana dovrebbe necessariamente cambiare proprietà. Non ci saranno ulteriori proroghe, come richiesto invece dalla Lega calcio. Come ha spiegato all’Ansa il commissario straordinario della Lega Nazionale Dilettanti, Giancarlo Abete: “C’è una scadenza al 31 dicembre e non c’è possibilità di intervento in questo momento. Ci dovranno essere degli offerenti e ci sarà una valutazione da parte del trust se accettare o meno questa eventuale offerta”.

LEGGI ANCHE:Natale a casa per Alex Zanardi, ha lasciato l’ospedale

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button