Primo piano

Covid, von der Leyen: “Omicron feroce può ‘bucare’ i vaccini”

La Presidente della Commissione Ue avverte l'Europa sulla pericolosità della nuova variante. Italia, dal 20 dicembre altre 4 Regioni in zona gialla

La variante Omicron del virus sarebbe particolarmente minacciosa in termini di Covid. Lo ha affermato in conferenza stampa a Bruxelles, dopo il Consiglio europeo, la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen.

Covid, ospedali in crisi

Anche se in questo momento combattiamo ancora contro la variante Delta sappiamo che la variante Omicron si sta diffondendo a un ritmo feroce e ha la potenzialità di ‘bucare’ i vaccini, almeno parzialmente“. “I sistemi sanitari sono sotto pressione, il che è dovuto in parte al gran numero di pazienti non vaccinati. Quindi occorre aumentare la vaccinazione. Includere i bambini sopra i 5 anni, fare le terze dosi e usare le misure preventive“. Omicron, ha spiegato von der Leyen, è una variante “difficile“, che rappresenta una “sfida“. Ma ora “siamo in una posizione migliore” rispetto a un anno fa, grazie ai vaccini. Ora la priorità è “guadagnare tempo, riducendo il più possibile la diffusione della variante tramite la tripla vaccinazione, l’uso delle mascherine e del distanziamento“.

Italia, allarme terapie intensive

In Italia intanto salgono a 9 le Regioni e Province autonome che superano questa settimana la soglia di allerta del 10% di occupazione per casi Covid nelle terapie intensive. Sono Calabria (11,8%), Emilia Romagna (11,9%), Friuli Venezia Giulia (18,3%), Liguria (13,7%), Marche (16,7%), Molise (10,3%), PA Bolzano (18%), PA Trento (21,1%), Veneto (15%). Otto superano invece la soglia di allerta del 15% per l’occupazione dei reparti di area medica. Si tratta di Calabria (20,8%), Friuli Venezia Giulia (22,6%), Liguria (17,9%), Marche (15,6%), PA Bolzano (16%), PA Trento (17,6%), Valle d’Aosta (18,2%), Veneto (16%).

Incidenza dei casi in crescita

Dal monitoraggio settimanale della cabina di regia emerge inoltre che l’incidenza a livello nazionale è in netto aumento. In Italia siamo a 241 casi Covid per 100mila abitanti (10-16 dicembre 2021) contro 176 per 100mila abitanti della settimana 3-9 dicembre 2021. Nel periodo 24 novembre-7 dicembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,13. In forte aumento il numero di nuovi contagi Covid non associati a catene di trasmissione (42.675 contro 37.278 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in diminuzione (31% contro 34% la scorsa settimana).

Regioni in zona gialla

Cresce poi, sempre secondo i dati della cabina di regia, la percentuale dei casi Covid rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (43% contro il 40%). Mentre resta stabile la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (26%). Veneto, Liguria, Marche e Trentino vanno in zona gialla da lunedì 20 dicembre, scatterà perciò l’obbligo di mascherina appena usciti di casa. La Lombardia aumenta i posti letto e resta per il momento in zona bianca. Le nuove quattro Regioni e Province autonome in fascia gialla si aggiungono a Calabria, Friuli Venezia Giulia e provincia di Bolzano.

Covid Mappa Ecdc 16 Dicembre 2021
La mappa aggiornata del rischio Covid nella Ue. Foto Twitter @ECDC_EU

LEGGI ANCHE: Covid, più contagi ricoveri e vittime. Gimbe: “Ospedali in affanno”

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button