CinemaPrimo piano

Squid Game: 5 curiosità su Lee Jung-jae, il n. 456 della serie cult di Netflix

Candidato ai prossimi Golden Globes, l'interprete sudcoreano compie oggi 49 anni

Dall’uscita di Parasite di Bong Joon-ho, la Corea del Sud ha spostato il focus dell’audiovisivo dagli Stati Uniti, incentrandolo su di sé. Oltre al capolavoro Premio Oscar, che ha conquistato la Palma d’Oro a Festival di Cannes nel 2019, il Paese si è imposto anche sul piccolo schermo grazie Squid Game. In breve tempo, la serie evento targata Netflix – nata dalla mente di Hwang Dong-hyuk – è divenuta un vero e proprio caso mediatico. Grazie ai suoi oltre 130 milioni di utenti raggiunti, ha conquistato il titolo di produzione seriale di maggior successo della piattaforma di streaming video. Conseguentemente, ha permesso a Lee Jun-jae, il Seong Gi-hun della serie – noto anche come n. 456 – di farsi conoscere dal grande pubblico anche al di fuori della Corea del Sud.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jung jae Lee (@from_jjlee)

Lee Jung-jae, la star a capo di Squid Game

Prima di giostrarsi tra prove mortali nella serie Netflix, Lee Jung-jae vantava una carriera che, a partire dagli Anni ’90, lo ha portato a dividersi tra piccolo e grande schermo. Nato a Seul il 15 dicembre 1972, l’interprete è salito alla ribalta grazie a pellicole del calibro di Dinosaur Teacher e Sandglass. Grazie a Jeongsa, noto a livello internazionale con il titolo di An Affair (1998) e al successivo City of the Rising Sun (1999), avviene la sua consacrazione definitiva in Corea del Sud. Ciononostante, quella che sembrava una stella in rapida ascesa comincia a perdere di lucentezza negli anni successivi, a causa di alcuni flop al botteghino che avrebbero potuto costargli la carriera. A partire dal 2010, dopo la battuta d’arresto, Lee Jung-jae torna di nuovo sulla cresta dell’onda, grazie a The Housmaid che quello stesso anno approda al Festival di Cannes.

Ma la consacrazione internazionale per l’interprete arriva principalmente dal ruolo di numero 456 in Squid Game. Come è ormai noto, lo show ideato da Hwang Dong-hyuk racconta le vicende di centinaia di persone che, oppresse dai debiti, decideranno di partecipare a una misteriosa gara composta da sei prove. Ben presto si renderanno conto che ciascuna di esse si rivelerà letale: chiunque venga eliminato dalla competizione, infatti, finisce col fare una brutta fine. In palio per il vincitore, un montepremi che cresce di 100 milioni ₩ per ogni vittima dei giochi, per un totale di 45.6 miliardi (circa 33 milioni di euro).

Squid Game
Squid Game

Alcune curiosità per conoscere Lee Jung-jae: il curioso legame con Keanu Reeves

Ad oggi, grazie alla sua interpretazione nel k-drama di Netflix, Lee Jung-jae è noto anche al di fuori dei confini sudcoreani. La sua fama ha attirato su di sé l’attenzione del pubblico internazionale, curioso di conoscere alcuni dettagli su di lui. Di seguito, dunque, alcune chicche che potrebbero aiutarci a conoscere meglio l’interprete 49enne, la vera star di Squid Game:

  • Pare che la carriera di Lee Jung-jae nel mondo dello spettacolo sia nata per caso e non lo avesse condotto subito alla recitazione. L’interprete avrebbe infatti iniziato nella moda, dopo essere stato notato dal designer Ha Yong-soo mentre lavorava in un bar.
  • Nel 2000, la star sudcoreana ha interpretato il ruolo del protagonista nel film Si-wor-ae (noto nel nostro Paese anche come Il mare). Quest’ultimo ha avuto un remake statunitense uscito nel 2006 e distribuito in Italia con il titolo La casa sul lago del tempo. A rivestire i panni indossati da Jun-jae nella versione originale è stato chiamato Keanu Reeves. Come controparte femminile, invece, la produzione statunitense ha puntato su Sandra Bullock.

Il Mare La casa sul lago del tempo

  • Oltre ad essere il titolo di uno dei suoi film più noti (grazie anche al remake statunitense), Il Mare è anche il nome di una catena di ristoranti italiani che appartiene alla star sudcoreana. Lee Jung-jae si è detto difatti grande appassionato della cucina nostrana.
  • Stando a quanto dichiarato, l’interprete sarebbe disposto a tornare per la seconda stagione di Squid Game. Ad influire nella sua decisione sicuramente avrebbe avuto un ruolo decisivo anche il cachet ricevuto per i nove episodi della serie Netflix. In base a quanto rivelato, infatti, Lee Jung-jae avrebbe guadagnato 300 milioni di ₩ (circa 220mila euro) a puntata, per un totale di circa 1,9 milioni di euro.
  • L’attore 49enne ha convinto anche la critica specializzata. In occasione dei 79° Golden Globes, che si terranno il prossimo 9 gennaio 2022, è stato infatti candidato come Miglior Attore in una Serie Drammatica.

LEGGI ANCHE: Yellowstone 4, arrivano i nuovi episodi della serie con Kevin Costner

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button