Primo pianoRoyal Life

Annullato il podcast della BBC su Harry e Meghan dopo la valanga di critiche

L'emittente è stata duramente attaccata dopo il documentario sulla Famiglia Reale

Il podcast di Harry e Meghan e i Media doveva fare seguito al programma The Princes and the Press. Ma, come riporta il The Sun, la BBC ha silenziosamente abbandonato il podcast. La rinuncia al programma sarebbe arrivata dopo aver ricevuto oltre 900 lamentele sul documentario in due parti sul principe William e Harry, andato in onda il mese scorso. La trasmissione è stata anche oggetto di aspre critiche da parte dell’intera Famiglia Reale per aver dato credibilità a “rivendicazioni esagerate e infondate“.

La BBC abbandona l’idea del podcast su Harry e Meghan dopo le critiche

La BBC aveva in mente di mandare in onda un podcast dedicato ad Harry e Meghan. Ma saranno state le moltissime lamentele ricevute dal pubblico per il documentario Princes and the Press, o gli ultimatum ricevuti dalla Famiglia Reale, ma l’emittente ha deciso di abbandonare il progetto. La BBC, infatti, aveva dichiarato che la serie di podcast era “ancora in produzione” e ha detto che sarebbe stata rilasciata come cofanetto in una data non confermata, non appena fosse stata pronta. Parlando in una clip teaser per la serie di podcast, Rajan ha promesso che la serie avrebbe affrontato alcuni aspetti molto controversi e interni alla Famiglia Reale. Ha parlato, infatti, di “accuse di sessismo, razzismo e fughe di notizie strategiche: le esaminiamo tutte“.

Principe Harry Meghan Markle figlia

Secondo The Telegraph, la serie si concentrerebbe su una domanda centrale: “Perché la copertura mediatica di Meghan Markle è diventata così aspra, così rapidamente?“. Ma la questione ha da subito irritato Buckingham Palace, Clarence House e Kensington Palace. Le tre sedi reali – della Sovrana, Carlo e William – hanno espresso rabbia per il documentario in due parti. Questo perché non avevano avuto la possibilità di un’anteprima dei contenuti prima della messa in onda. La Famiglia Reale, inoltre, non ha avuto modo di replicare alle accuse contenute nel documentario. Harry e Meghan, al contrario, hanno potuto mandare in onda il loro avvocato.

Le lamentele del pubblico hanno cambiato i progetti della BBC

In una dichiarazione rilasciata alla BBC, e mostrata alla fine del programma, la Famiglia Reale ha dichiarato: “Una stampa libera, responsabile e aperta è di vitale importanza per una sana democrazia. Tuttavia, troppo spesso sono affermazioni esagerate e infondate che vengono presentate come fatti ed è deludente quando qualcuno, inclusa la BBC, dà loro credibilità“. Dopo l’uscita del documentario televisivo, inoltre, Kate Middleton ha deciso di affidare la messa in onda del proprio concerto di Natale alla ITV. La BBC, inoltre, ha ricevuto ben 925 lamentele da spettatori inferociti “che ritengono che il programma sia stato irrispettoso nei confronti della Famiglia Reale e quindi non avrebbe dovuto essere trasmesso“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Archewell by Harry and Meghan (@archewell_hm)

Rispondendo alle lamentele, la BBC ha dichiarato che il documentario ha esplorato il rapporto tra i media e la monarchia, concentrandosi sui reali più giovani. L’emittente ha anche cercato di mostrarsi imparziale dichiarando di aver condotto “più di 80 ore di interviste e cercato opinioni da un’ampia varietà di contributori“. Ma la polemica, che ha coinvolto direttamente anche Harry e Meghan alla fine non si è placata. E la BBC ha rinunciato al secondo progetto su di loro.

LEGGI ANCHE: La regina Elisabetta “rimane all’oscuro” della strategia degli avvocati del principe Andrea

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button