Primo pianoSport

Superlativa Sofia Goggia: vince anche il SuperG. La Davis 2021 alla Russia

14esima vittoria per l'azzurra. Medvedev e Rublev riportano l'insalatiera a casa 30 anni dopo

E menomale che la pista di Lake Luoise (a cui da oggi potremo aggiungere il nome di Sofia) non era quella più adatta alla nostra Sofia Goggia. Dopo due discese libere in due giorni è arrivato il terzo giorno il SuperG. Non ci si può limitare a definirla una bella storia. Molto di più, come i più grandi come Katia Seizinger e Lindesy Vonn. Ha sciato in 1.18.28 domando la svizzera Lara Gut- Behrami, in vantaggio fino all’ultimo intermedio di 25. Alla fine l’italiana ne aggiunge 11 alla svizzera. Terza finisce l’austriaca Mirjam Puchner in 1.18.72. A 29 anni scia come non mai l’azzurra – 29 anni che ha raggiunto il 14esimo successo in carriera: il n. 104 delle nostre ragazze italiane.

Questo SuperG è stata la mia vittoria più bella di questi giorni… L’avevo e detto alla vigilia… Era questa del superG la mia sfida e l’ho vinta“- ha commentato Sofia Goggia a fine gara. Le vittorie la proiettano al terzo posto nella classifica generale di Coppa del Mondo con 315 punti, dietro Mikaela Shiffrin (405) e Petra Vlhova (340). Ora si torna in Europa per quattro gare veloci, le prime in Svizzera sabato e domenica prossima – due superG – a St. Moritz.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesca Moro (@lafraugo)

Dal triplete della Goggia in Canada alla Davis di ritorno in Russia

Pronostico rispettato e senza patemi, senza neppure il doppio finale, per l’atto conclusivo della Coppa Davis 2021. Parla (come in generale il tennis) sempre più russo. Il n.5 del mondo Andrey Rublev basta per regolare la la sorpresa del torneo, il croato Borna Gojo, e la tensione di giocare per primo. Nulla può il n.1 di Croazia Marin Cilic contro il n.2 del ranking Daniil Medvedev, che vince il tie-break del primo set e poi dilaga.

L’insalatiera torna alla Russian Tennis Federation per la terza volta nella storia della competizione dopo il 2002 e il 2006, tutte sotto la guida del capitano Tchaikovsky. Una corazzata pesantissima: Medvedev, unico vincitore di slam – gli Us Open – che non si chiami Djokovic; ma anche Aslan Karatsev (n.18) e Karen Khachanov (n.29).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Medvedev Daniil (@medwed33)

La Davis che verrà

Il sorteggio per l’edizione 2022 è andato in scena nel pomeriggio di oggi. L‘Italia ha beccato nell’urna la Slovacchia per il turno preliminare. Gli Azzurri di capitan Volandri giocheranno in trasferta i prossimi 4 e 5 marzo. Proprio al turno preliminare saranno 24 le nazioni: 14 delle 18 squadre classificate dal terzo al 18/o posto nella Davis appena conclusa, più 10 del World Group I.

LEGGI ANCHE: Juventus, Il caso plusvalenze si allarga: nel mirino la cessione di Cristiano Ronaldo. E c’è un settimo indagato

Ettore Mastai

Redazione interna - Esteri, Economia, Arte, Sport

Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell'università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l'agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.

Back to top button