Primo piano

Green Pass sul bus, prime maxi multe. Minacce No Vax: Fedriga sotto scorta

Nel primo giorno delle nuove regole, 400 euro di sanzione a un passeggero senza certificato. In Friuli protezione speciale al Governatore pro-vaccino

Nel giorno in cui è entrata in vigore la nuova normativa sul Green Pass, che si sdoppia in Super e base, si registrano in Italia oltre un milione di certificati verdi scaricati nelle ultime 24 ore. Le misure sul Green Pass rafforzato – ottenibile solo con vaccinazione o avvenuta guarigione – resteranno in vigore fino al 15 gennaio. A spingere i download sono soprattutto le vaccinazioni (Super Pass), non i tamponi (Pass modello base). In particolare, secondo i dati del sito del Governo, sono stati 968.069 i Green Pass scaricati ieri 5 dicembre per avvenuta vaccinazione. E 336.563 quelli per l’effettuazione di un tampone. Sono stati 5.369, infine, quelli per guarigione dal Covid.

Pass, controlli a Roma e Milano

Da Roma la notizia del primo multato durante i controlli ai Pass dei passeggeri di bus e metro. A sanzionare l’uomo gli agenti della polizia locale alla fermata di piazzale Flaminio. L’uomo era appena sceso dall’autobus quando gli agenti gli hanno chiesto di esibire il certificato verde. “Non ce l’ho perché volevo vaccinarmi nei prossimi giorni” si è giustificato il 50enne. Per lui è scattata una sanzione di 400 euro. A Milano i controlli non sono solo su metropolitana, bus e tram, ma anche nelle stazioni dei treni. A Porta Garibaldi, questa mattina, una pattuglia di 8 agenti assistenza e sicurezza, sei di Fs e due di Trenord, controllavano che i passeggeri fossero in regola. Controlli anche sul passante ferroviario, sempre a Porta Garibaldi, con alcuni agenti a presidiare l’ingresso del sotterraneo.

Napoli e Stretto di Messina

A Napoli verifiche sui Pass nella linea 2 della metropolitana di Napoli (gestita dalle Ferrovie dello Stato) e, nella stazione di Piazza Garibaldi, sulle linee della Circumvesuviana. Nello Stretto di Messina da stamani non si viaggia senza Green Pass. Già dalla prima corsa alle 6.40 decine di persone erano in fila e, oltre ad acquistare il biglietto, hanno mostrato il Green Pass agli addetti della Caronte & Tourist al molo San Francesco.

Pass e vaccino, Fedriga sotto scorta

Nel Nord-Est del nostro Paese, invece, il Governatore del Friuli Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, è sotto scorta. La decisione dei responsabili della sicurezza è arrivata la scorsa settimana ma si apprende adesso. Fedriga ha ricevuto decine di minacce dalla galassia No Vax dopo che più volte si è espresso a favore della campagna vaccinale e del Green Pass. Lo riporta il quotidiano Il Piccolo di Trieste, precisando che due persone accompagnano ormai ovunque il Governatore. “Spero – conferma Fedriga – soprattutto per la mia famiglia, che questa situazione possa risolversi nel minor tempo possibile“.

Fedriga-Friuli
Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga

LEGGI ANCHE: Super Green Pass, cosa cambia dal 6 dicembre: tutte le regole

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button