Glamour & Gossip

Bon ton condominiale: come comportarsi con i nostri vicini di casa

Il galateo per il perfetto vivere in appartamento al giorno d'oggi

Con l’arrivo del nuovo anno molti di noi potrebbero trovarsi in procinto di stabilirsi in una nuova residenza o dover affrontare l’arrivo di nuovi inquilini o vicini di casa. Chi abita in appartamento, soprattutto al giorno d’oggi, in epoca covid-19, non può fare a meno di seguire delle piccole regole di bon ton condominiale: il saper vivere all’insegna dell’educazione e del rispetto dei propri vicini di casa. L’appartamento, infatti, alla luce della recente pandemia, è diventato un focus sempre più importante, è qui che ormai trascorriamo la maggior parte del nostro tempo. Diventa per questo motivo fondamentale il rispetto del luogo d’abitazione soprattutto nei confronti di chi abita accanto a noi. “Io non conosco nessun altro segno di superiorità nell’uomo che quello di essere gentile”. (Ludwig van Beethoven)

Bon ton condominiale: quando si arriva in una nuova casa è d’obbligo presentarsi ai propri vicini

Cambiare casa è un passo di vita importante. La prima impressione che faremo ai nostri vicini condizionerà sicuramente il rapporto con loro. Molto spesso, nell’entrare in possesso di una nuova abitazione, ci troveremo ad affrontare dei lavori di ristrutturazione o quanto meno un trasloco. E’ importante darne comunicazione in primis all’ amministratore di condominio, a cui chiederemo fin da subito il regolamento condominiale al fine di prenderne visione, e al contempo ai vicini di casa. Possiamo apporre un foglio nella bacheca condominiale scusandoci fin da subito con l’eventuale confusione e polvere, (in caso di lavori di restauro), che si potrebbero creare negli spazi comuni. In quest’ultimo caso ci occuperemo personalmente delle pulizie del nostro pianerottolo e della scala. Non meno importanti, per un corretto bon ton condominiale, sono le presentazioni. Sapere chi vive accanto a noi è sinonimo di attenzione e di rispetto dell’altro. Vige sempre una sottile linea di confine tra l’invadenza e il garbo. Conoscere i propri vicini non equivale a presentarsi senza preavviso a casa loro o a dargli in pasto i dettagli della nostra vita intima. Essere educati ma distaccati allo tempo stesso è sempre una carta vincente.

cena romantica virtuale

Il secondo passo da compiere, all’arrivo in una nuova casa, è quello di apporre le nuove etichette del citofono e della cassetta delle lettere

Non ce ne occuperemo personalmente, ma sarà l’amministratore di condominio che provvederà a farlo. Sul citofono e sulla cassetta delle lettere è sufficiente mettere il proprio nome e cognome, o anche solo il cognome. C’è chi per sentirsi qualcuno inserisce un dott., un avv. o un prof. davanti al proprio nome. Sull’elenco telefonico non mancano anche principi e duchi. E’ davvero molto brutto. Per salvare l’estetica, visto che il buon gusto è morto già da un bel po’, il criterio della scelta nello scrivere il proprio cognome maiuscolo o minuscolo dovrà essere adottato con uniformità dal resto dei condomini.

Bon ton condominiale: il rispetto delle ore di riposo, degli spazi comuni e delle aree esterne

Tra le più importanti regole di buona convivenza in condominio c’è sicuramente quella di fare attenzione ai rumori. Il rispetto della quiete prevede di non disturbare nell’arco temporale che va dalle 14,00 alle 16,00 e dalle 22,00 alle 8.00. In questi orari non è consentito tenere la musica ad alto volume, fare lavori di casa rumorosi, camminare con i tacchi, far fare chiasso ai bambini. Nel caso di una party o di una festa avviseremo in precedenza i nostri vicini che in tale data potranno esserci dei rumori serali (sempre contenuti). Tra le regole di buon senso in condominio vige anche quella del rispetto delle aree comuni. Le scale, il pianerottolo, l’ascensore, la terrazza condominiale sono luoghi di cui usufruiscono tutti i condomini, pertanto non è permesso sporcarli o lasciarci oggetti personali. La raccolta differenziata va fatta seguendo i giorni e gli orari stabiliti. I propri posti auto e motocicli dovranno essere definiti e rispettati.

La Piccola Londra Roma
La Piccola Londra Roma esclusiva fotografica Velvet Mag

L’ascensore ha regole ben precise: accertarsi sempre di aver chiuso la porta e non lasciarlo bloccato per troppo tempo, all’uomo spetta richiudere le porte

In epoca covid-19 è consigliabile prendere l’ascensore da soli, a meno che il dispositivo non sia grande. Se entrando troviamo un’altra persona per prima cosa si saluta. Se c’è una persona più anziana di noi spetterà a lei entrare per prima. Accertiamoci sempre di aver chiuso bene le porte una volta arrivati al piano. Il bon ton condominiale prevede, in caso di trasporto delle valigie, di non bloccare per troppo tempo l’elevatore. Il signore in ascensore si toglie il cappello e non volge le spalle e non fissa una signora mettendola in imbarazzo. Chi entra per ultimo, prima di premere il bottone, si informa a che piano desidera fermarsi chi già si trova all’interno. Se si scende allo stesso livello, sarà il signore ad aprire e a richiudere le porte, a cedere il passo alla signora o alla persona più anziana. Chiunque arriva al piano saluta chi rimane all’interno. Stare in ascensore con un sorriso, anziché con il muso, allenta la tensione del tragitto.

Regole di condominio: attenzione ad innaffiare le piante in balconi e alle aree esterne

Se il pollice verde è la nostra passione, ben venga, l’importante è che, nel momento in cui decidiamo di innaffiare le piante in balcone, stiamo attenti a non far fuoriuscire l’acqua. Il galateo del buon vicinato prevede che i panni stesi non sgocciolino, le lenzuola non arrivino fino al balcone del vicino del piano di sotto. La tovaglia non va scrollata al di fuori del proprio davanzale. A chi vive sotto di noi non farà di certo piacere ricevere le briciole e i rimasugli del nostro pasto.

Le regole di buon vicinato e del corretto vivere civile ci impongono di rispettare il regolamento condominiale

Il bon ton condominiale prevede, per chi arriva in una nuova casa, di prendere parte fin da subito alle assemblee di condominio per presentarsi. In ogni caso è dovere di ogni condomino partecipare. In epoca covid-19 le assemblee sono sospese, anche se c’è qualcuno che le organizza on line. Siamo propositivi e non tiriamoci indietro nelle nuove migliorie proposte (ascensore, scale, facciate, ecc.). Dopotutto ne va del valore del nostro immobile, non dimentichiamocelo mai!

 

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da oltre quindici anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button