LibriPrimo piano

Le otto montagne, il successo del romanzo prima del film

Ancor prima del film con Alessandro Borghi e Luca Marinelli, la storia è nata come romanzo di Paolo Cognetti e ha vinto il Premio Strega 2017

Prima ancora di diventare un film acclamato al Festival di Cannes 2022, Le otto montagne è una storia nata dalla penna di Paolo Cognetti. Il suo romanzo ha vinto il Premio Strega 2017.

Le otto montagne ha vinto il premio della giuria al Festival di Cannes 2022. Ma, prima ancora di diventare un film acclamato con Alessandro Borghi e Luca Marinelli, la storia ha riscontrato un forte successo soprattutto come romanzo. Piaciuto così tanto che Paolo Cognetti è stato non solo inserito nella dozzina del Premio Strega 2017, ma ha raggiunto la cinquina e infine ha portato a casa la vittoria di quell’edizione.

Le otto montagne
Le otto montagne

Definito un romanzo di formazione, Le otto montagne non è la prima fatica editoriale di Paolo Cognetti. Tuttavia è l’opera che ha segnato per sempre la sua carriera. Tradotta in oltre 35 lingue sin dal suo debutto, questa storia ha permesso all’autore di vincere sia il tradizionale Premio Strega, che il Premio Strega Giovani. A distanza di cinque anni da quel traguardo, quel racconto ha preso vita anche al cinema ed è stato già fortemente apprezzato in anteprima a Cannes. Il suo rientra nella categoria dei romanzi di formazione e racconta la storia di due ragazzini cresciuti insieme che si ritrovano da adulti, ognuno con un bagaglio di vita pesante. Ad accoglierli è la montagna, all’apparenza immutata e ricca di bellezze che agiscono come balsamo su un cuore ferito.

Le otto montagne: cosa sapere sul romanzo di Paolo Cognetti

Pietro, il protagonista, vive a Milano con la sua famiglia, ma d’estate raggiungono un villaggio sulle montagne della Valle d’Aosta, ai piedi del Monte Rosa. Pietro impara a scoprire l’amore per le montagne grazie a suo padre, alpinista provetto, ed è in vacanza che conosce Bruno. La sua è una famiglia di allevatori ma, a differenza di Pietro che va e viene, Bruno resta.

Le otto montagne
Le otto montagne

Ad unirli è una forte amicizia sin da bambini. Crescono insieme a contatto con le meraviglie della natura, ma con l’arrivo dell’adolescenza le differenze caratteriali e lo stile di vita prendono il sopravvento. Bruno mette da parte gli studi e si concentra sull’attività di allevatore e in seguito di muratore. Pietro, che negli anni ha visto sempre più incrinarsi il rapporto con il padre, si concentra sugli studi, lascia Milano e va a Torino. Delle montagne, soltanto un dolce ricordo così come l’amicizia con Bruno. “Stavo imparando che cosa succede a uno che va via: che gli altri continuano a vivere senza di lui.” Eppure, una volta morto suo padre, Pietro avverte forte il richiamo di quei momenti felici, per cui torna da Bruno e insieme ricostruiscono una baita lasciatagli in eredità da suo padre.

Le otto montagne
Le otto montagne

Era questo a fare la differenza. Il modo in cui un luogo custodiva la tua storia. Come riuscivi a rileggerla ogni volta che ci tornavi.” Cognetti, che attualmente vive nel villaggio che ospita il suo racconto, ha diviso il romanzo in tre parti. La prima si sofferma sull’infanzia e l’amicizia appena sbocciata tra Pietro e Bruno. La seconda, invece, racconta di come quell’amicizia si sia come congelata negli anni, mai persa, e ben ritrovata una volta adulti. La terza parte, infine, racconta di come l’età adulta e le diverse priorità abbiano allontanato i due amici e delle difficoltà di Bruno sempre più allarmanti. Un prodotto valido sia su carta che su schermo, che tratta temi universali da sempre approfonditi, nella letteratura così come al cinema.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Back to top button